Curiosità

“Yerba Santa”: una medicina naturale contro l’Alzheimer

Yerba Santa, la medicina degli sciamani nativi d’America. Veniva usata per curare mal di testa e febbre, nonché per riti propiziatori. Grazie alla medicina moderna è stata dimostrata l’efficacia su casi depressivi lievi accompagnati da fame nervosa o compulsiva.

La svolta medica potrebbe essere Yerba Santa

Recenti studi dimostrano che la “Yerba Santa” può combattere i sintomi dell’Alzheimer, in particolare il gonfiore del cervello associato allo sviluppo della neuropatologia.

La dottoressa Pamela Maher del laboratorio Salk afferma: «E visto che l’età è uno dei primi fattori di rischio, i ricercatori stanno esplorando un modo di contrastare l’effetto stesso dell’età nel cervello. Noi crediamo che la sterubina sia un potentissimo componente neuroprotettivo, originario della Yerba santa californiana (Eriodictyon californicum) e rappresenta un passo importante verso la strada giusta».

La sterubina un flavonoide che dà alla “Yerba santa” il suo distintivo sapore agro, ha un impatto antinfiammatorio potentissimo sulle cellule del cervello ed è efficace contro gli induttori di morte cellulare nei nervi: in altre parole, potrebbe aiutare a rallentare o prevenire gravi disturbi neurodegenerativi come l’Alzheimer

La speranza per la ricerca sull’Alzheimer

Si spera che i test clinici riguardanti questo composto flavonoide offriranno dei risultati positivi, per poter procedere nella produzione di un trattamento contro la demenza, è stato dimostrato che la sterubina non solo è più attiva nella “Yerba Santa” a differenza degli altri flavonoidi, ma l’azione è anche più efficace di quelli analizzati finora.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto