Cronaca

Armi all’Isis, imprenditore salernitano nel mirino della Dda. «Chiarirò tutto»

SANTA MARINA. Carmelo Famà, noto imprenditore del Golfo di Policastro, è finito nel mirino della Dda di Napoli. Il produttore di munizioni e perito balistico si è ritrovato coinvolto nell’inchiesta per un presunto traffico di armi destinate sia a un gruppo legato all’Isis attivo in Libia, sia all’Iran.

Un’indagine che nei giorni scorsi ha portato all’arresto dei coniugi Mario Di Leva e Anna Maria Fontana di San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli.

Come racconta il quotidiano Il Mattino, dai fascicoli è spuntata una cartella che includeva anche una foto che mostra Carmelo Famà su una montagna di kalashnikov. L’imprenditore salernitano è seduto su migliaia di fucili e mitragliatori all’interno di un container. Una foto che ha insospettito gli inquirenti, anche perché rivenuta all’interno del fascicolo che la coppia arrestata aveva intitolato «Piombo Iran».

L’uomo è stato così incluso nella lista degli indagati insieme ad altre persone con le quali i due presunti trafficanti di armi clandestine avevano avuto contatti. Persone alle quali la Dda di Napoli è risalita attraverso intercettazioni telefoniche e documenti sequestrati nel corso dell’indagine.

Famà  intanto commenta: «Con questa storia non ho nulla a che fare e con serenità aspetto di essere sentito dal magistrato al quale chiarirò la mia posizione». E spiega così l’origine della foto che lo ha trascinato nell’inchiesta giudiziaria. «È stata scattata nel 2004, quando fui chiamato per una perizia balistica nel porto di Gioia Tauro.

Mi fu chiesto di eseguire i miei accertamenti all’interno di tre container carichi di armi. Io sono anche perito balistico, e vengo contattato da più parti d’Italia per accertamenti su armi sospette, come avvenne per quel carico di tredici anni fa nel porto di Gioia Tauro. In quell’occasione mi misi in posa in uno dei container in cui eseguii i controlli che mi furono commissionati».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button