Battipaglia, i bandi contestati pubblicati sul sito dell'Ente

coronavirus-battipaglia-sospesi-riscossioni

BATTIPAGLIA. Come d’incanto, sono stati pubblicati ieri mattina – nella sezione “Bandi di Concorso” del sito istituzionale del Comune di Battipaglia – gli avvisi pubblici diramati dall’ente per la selezione di un capo staff e di un ufficio stampa per la sindaca Cecilia Francese. Tuttavia, mancano ancora on line i modelli da compilare per partecipare alle […]

BATTIPAGLIA. Come d’incanto, sono stati pubblicati ieri mattina – nella sezione “Bandi di Concorso” del sito istituzionale del Comune di Battipaglia – gli avvisi pubblici diramati dall’ente per la selezione di un capo staff e di un ufficio stampa per la sindaca Cecilia Francese. Tuttavia, mancano ancora on line i modelli da compilare per partecipare alle due selezioni, in scadenza il 12 dicembre per quanto riguarda il ruolo di capo staff ed il giorno successivo per l’ufficio stampa. Poche ore dopo aver appreso dell’esposto presentato da alcuni cittadini battipagliesi, che hanno lanciato all’amministrazione accuse durissime che riguardano la presenza all’interno dell’ente di collaboratori della sindaca Francese che potrebbero ricoprire i due ruoli, l’ente ha provveduto alla pubblicazione nella sezione “Amministrazione trasparente” del sito, al paragrafo dedicato ai bandi di concorso.

D’altra parte, il governo cittadino aveva fatto sapere chiaramente di non aver ricevuto alcuna notifica di esposti al Comune per quanto concerne i due avvisi pubblici, per cui il tempismo nella pubblicazione sul sito istituzionale può facilmente essere collegato alla divulgazione della notizia sui media. Una pubblicazione comunque parziale, giacché sul sito si trovano gli atti che riguardano gli avvisi pubblici ed i protocolli, ma non i documenti da compilare e presentare per una eventuale candidatura. Si è potuto apprendere che basta una telefonata all’ufficio preposto del Comune di Battipaglia per ricevere almeno uno dei due modelli da compilare, ma resta la grana relativa alla trasparenza, visto che gli atti avrebbero dovuto essere pubblicati sul sito insieme all’avviso pubblico, a disposizione degli eventuali candidati ad uno dei due settori.

TAG