Politica

Battipaglia: elezioni, record di stranieri alle urne

BATTIPAGLIA. Oltre mille stranieri, senza cittadinanza italiana, potranno votare alle prossime elezioni amministrative. L’esercito di cittadini dell’Unione Europea residenti a Battipaglia, avrà un peso specifico sulle future scelte politiche. Ieri sono scaduti i termini per la presentazione alla commissione straordinaria del Comune delle domande di iscrizione nelle liste elettorali aggiunte per l’elezione del sindaco e del consiglio comunale. Le nuove domande presentate all’ufficio protocollo o tramite posta elettronica certificata sarebbero state circa trecento. Per un totale, considerando quelli già iscritti, di 1.283 potenziali elettori stranieri. Gli stranieri a Battipaglia, su una popolazione di 50.868 residenti (dati 2015) sono 3.059, ossia il 6%.

Numeri in continua crescita. Basti pensare che nel 2005 gli stranieri residenti a Battipaglia erano 807 (1,6% della popolazione). In dieci anni, i numeri sono cresciuti in maniera esponenziale, facendo arrivare in città oltre 2.200 stranieri (contando solo quelli che hanno ottenuto la residenza) in un decennio. In particolare i rumeni, che essendo cittadini dell’Unione Europea possono godere del diritto di voto (in caso di richiesta) anche per le prossime amministrative a Battipaglia. Oggi, i cittadini rumeni residenti a Battipaglia sono 1.115, di cui circa il 60% donne (467 maschi e 648 femmine), in crescita del 5% rispetto al 2014. Ossia, il 2,2% dell’intera popolazione ed il 2,8% degli aventi diritto al voto a Battipaglia, pari a 39.432 unità.

Numeri superiori persino a Salerno, dove i rumeni residenti sono 712, ed ai comuni vicini: a Campagna, i rumeni residenti sono 463, a Bellizzi sono 130, a Pontecagnano Faiano 631. Solo il comune di Eboli va oltre nei numeri, contando 1.633 cittadini rumeni, circa 500 in più rispetto a Battipaglia. Se si considera poi l’intera popolazione degli stranieri, invece, Battipaglia è sul podio (seconda solo ad Eboli) in termini statistici. Se in provincia di Salerno la percentuale di stranieri sul totale dei residenti è del 4,4%, a Battipaglia tale dato arriva al 6%.

Ovviamente, tra i cittadini dell’Unione Europea residenti a Battipaglia che sono stati chiamati ad iscriversi nelle liste elettorali aggiunte per il voto alle amministrative non c’è solo l’esercito dei rumeni. Ci sono anche cittadini polacchi (79, di cui 16 maschi e 63 femmine), bulgari (56, di cui otto maschi e 48 femmine), lituani (cinque, di cui un maschio e quattro femmine), spagnoli (cinque femmine), britannici (quattro, di cui due maschi e due femmine), francesi (quattro, di cui un maschio e femmine), tedeschi (quattro, di cui un maschio e tre femmine), croati (quattro maschi che potranno votare per la prima volta alle amministrative battipagliesi), belgi (due, di cui un maschio e una femmina), una portoghese, una ungherese, una slovacca, una greca ed una ceca. Dati che sono ben noti agli aspiranti alle cariche di sindaco e di consigliere, che nei giorni scorsi hanno tenuto apposite riunioni con le comunità straniere in Italia per spiegare le ragioni del voto e le modalità di iscrizione alle liste elettorali aggiunte.

Articoli correlati

Back to top button