Cronaca

Battipaglia, un robot supertecnologico salva i dipendenti della Btp

BATTIPAGLIA. A Battipaglia potrebbe essere sviluppato e realizzato il robot futuristico “Kobra”, da utilizzare in caso di incendi o situazioni di pericolo. Ci sta lavorando da qualche anno il gruppo Battistolli, realtà aziendale complessa fondata a Vicenza che opera nel settore della vigilanza su tutto il territorio nazionale, in uno stabilimento di Paderno Dugnano, nel milanese. L’azienda, che vuole espandere il proprio raggio d’azione anche in provincia di Salerno, ha avuto dei recenti incontri con il Ministero dello Sviluppo Economico e la Regione Campania. L’idea è di insediarsi, su proposta del governatore De Luca, in una parte dello stabilimento ex Btp Tecno, nella zona industriale di Battipaglia. La fabbrica, dopo il tumultuoso fallimento della Btp, è in mano ad un curatore fallimentare nominato dal Tribunale di Genova, dove si è incardinato il procedimento.

L’azienda avrebbe la possibilità di pescare a piene mani dalla folta schiera dei dipendenti, già altamente formati, che facevano parte dell’organico della Btp Tecno, ed ancor prima dell’Alcatel Lucent. Si tratta di un centinaio di professionisti, di cui circa 70 in mobilità e 30 in cassa integrazione. Per questi ultimi, visto che la cassa scadrà a giugno senza ulteriori proroghe, dovrebbe essere stabilito un principio di priorità. Il Mise, nella persona di Giampietro Castano – lo stesso che ha seguito il passaggio dello stabilimento da Alcatel Lucent e Btp Tecno, e la successiva crisi della stessa Btp – sarebbe pronto a fornire sostegno alla startup battipagliese del Gruppo Battistolli. Dal canto suo, la Regione sta lavorando per l’inserimento della zona industriale di Battipaglia (ed Eboli) tra le aree di crisi industriale. Offrendo la possibilità alle aziende che operano nel territorio interessato, quindi eventualmente anche al Gruppo Battistolli, di accedere a specifiche forme di finanziamento ed agevolazioni economiche. Prendendo in seno almeno una parte degli ex lavoratori della Btp Tecno, inoltre, il Gruppo Battistolli otterrebbe a Battipaglia un supporto ulteriore dalle istituzioni preposte.

L’ad della Battistolli, Paolo Spollon, avrebbe espresso il proprio interesse ad occupare una parte dello stabilimento battipagliese. Resta da valutare quale sarà effettivamente l’area della fabbrica interessata. Il gruppo aziendale lavorerebbe a Battipaglia con le stesse società già presenti nelle province di Caserta e Napoli (Btv spa, Rangers srl, Vega Sped.Int. srl, Gestione Sicurezza Network srl). La Battistolli ha l’ambizione di sviluppare e di commercializzare in tempi brevi un robot da utilizzare nelle situazioni di elevato rischio per l’incolumità del personale di vigilanza (come incendi ed esplosioni), con la possibilità di avere sbocchi anche sul mercato militare. Il prodotto dovrebbe essere un ulteriore potenziamento della piattaforma robotica “Kobra”, già in sperimentazione presso il Gruppo Battistolli, in sinergia con il Politecnico di Milano e Telecom Italia. Si tratta di un prodotto completo pensato per la sorveglianza e la sicurezza, ideale per sostituire l’uomo in particolari circostanze. L’apporto di personale altamente formato, come gli ex dipendenti Btp, potrebbe consentire un’espansione delle modalità di utilizzo del prodotto. I tempi, se dall’azienda giungeranno segnali incoraggianti, non dovrebbero essere lunghi. Si parla di una riapertura della fabbrica entro la fine di quest’anno.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button