Cronaca

Dorotea morta in un incidente nel 2014: la madre chiede giustizia in tv

Al programma di Rai 1 “Storie Italiane” la madre di Dorotea Di Sia, la ragazza originaria di Santa Marina morta nel 2014 in un incidente automobilistico, chiede giustizia per sua figlia.

Chiedo giustizia per sua figlia Dorotea morta in un incidente stradale nel 2014: l’appello della madre in tv

«Dorotea non ha avuto giustizia. L’appello è che venga fatta giustizia. Bisogna dirlo ovunque, non ne parla nessuno». È il racconto commosso di Pietrina Paladino, mamma di Maria Dorotea Di Sia, venticinquenne deceduta nel 2014 in un tragico incidente stradale in Puglia. 

La donna, ospite di Eleonora Daniele a Storie Italiane su Rai 1, in lacrime ha reclamato giustizia per sua figlia spiegando che l’uomo ritenuto responsabile dell’incidente, e per questo condannato in primo grado a tre anni di reclusione, “non ha fatto nemmeno un giorno. Aveva bevuto. Dalle indagini, poi, si è scoperto che aveva anche preso della cocaina. L’incidente l’ha fatto a distanza di 500 metri da casa, andava a 140 km orari in un centro abitato”.
In attesa che si apra il processo d’appello, Pietrina Paladino ritiene di essere vittima di un’ingiustizia assieme a molte altre famiglie. «Siamo una marea di genitori, siamo un esercito e le storie si assomigliano tutte – ha aggiunto -. Non ci sono pene certe, ci sono dei cavilli che proteggono coloro che si mettono alla guida in un certo stato: la condizionale, il processo abbreviato, il patteggiamento… però ci sono anche delle responsabilità quando ti metti alla guida con tre persone».

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button