Cronaca

Droga tra le arance in viaggio verso Salerno: camionista arrestato

Era stato arrestato nell’aprile scorso perché trasportava droga in un carico di arance. Un camionista campano ha patteggiato 3 anni di reclusione, 13mila euro di ammenda e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici.

Droga tra le arance in viaggio verso Salerno: camionista arrestato

Un caso ancora irrisolto. Seppure parzialmente. Dopo quasi 7 mesi passati nel carcere di Marassi in custodia cautelare, il trasportatore campano Mario Miranda ha patteggiato la sua pena: 3 anni di reclusione, 13mila euro di multa e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici. Ma del destinatario del grande carico di droga, ancora nessuna traccia.

All’alba del 14 aprile una pattuglia della Polstrada in servizio sull’A10, vicino al casello di Genova Pegli, controlla un autoarticolato italiano che proviene dal sud della Spagna ed è diretto a Salerno. Trasporta un carico di arance sistemate in cassette su bancali che occupano l’intera cella frigorifera.

Durante il controllo la pattuglia si insospettisce per il forte stato di agitazione dell’autista e decide di effettuare un controllo più approfondito. Al centro del rimorchio trova così un bancale che contiene una ventina di pacchi rivestiti in juta: ognuno nasconde diversi panetti di hashish da circa 100 grammi ciascuno, per un peso complessivo di 633 chili e mezzo.

L’uomo non inventa scuse, né cerca di discolparsi. Gli agenti stessi restano colpiti dal suo accettare con tranquillità le conseguenze del suo comportamento. Dopo aver dato in beneficenza il carico di arance e sequestrato il carico illegale e il veicolo, gli agenti della Polstrada genovese hanno cominciato a indagare sul reale destinatario del carico di hashish.

Ma in questi mesi il trasportatore non ha dato alcuna indicazione a riguardo. Non era presente nessun indizio all’interno del mezzo, dove non sono stati trovati testi scritti che potessero dare un qualche riferimento; anche l’esame del suo cellulare non ha dato frutti, segno di un’operazione che non ha trascurato nessun dettaglio.

Su disposizione del sostituto procuratore Silvia Saracino, l’uomo era stato trasferito da subito nel carcere di Marassi. Successivi accertamenti hanno evidenziato che il destinatario del carico di arance, come indicato dai documenti, era totalmente estraneo al trasporto di droga.

FONTE: La Repubblica

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vedi anche
Close
Back to top button