Angri, attentato all’imprenditore Chiavazzo: c’è un sospettato di Pagani

coronavirus-giro-capaccio-paestum-denunce

Angri, agguato all'imprenditore Domenico Chiavazzo. C'è un sospettato. Si tratta di Alfonso Manzella, in arte «Zuccherino»

Angri, agguato all’imprenditore Domenico Chiavazzo «Mimmuccio ‘a Satriana», 41 anni: c’è un sospettato. Il primo indagato per il quale è scattato il fermo di indiziato di delitto per tentato omicidio, disposto dalla direzione distrettuale antimafia di Salerno è Alfonso Manzella, in arte «Zuccherino», cantante neomelodico di Pagani. 

Imprenditore Chiavazzo ferito ad Angri: primo indagato

I carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore  avrebbero raccolto una serie di indizi a carico del paganese, condivisi dalla procura distrettuale antimafia di Salerno. Domani mattina ci sarà l’udienza di convalida da parte del gip, cui spetterà di decidere se confermare le ipotesi degli inquirenti.

I militari, coordinati dal tenente colonnello Rosario Di Gangi, hanno acquisito diversi filmati registrati da alcune telecamere presenti nei pressi del cavalcavia di via delle Fontane per cercare di individuare i due killer entrati in azione in sella ad uno scooter.

Il raid

L’uomo, era alla guida di una Fiat 500 e stava percorrendo il cavalcavia di via delle Fontane quando si è visto puntare un’arma
contro e raggiungere da una raffica di proiettili. Tre sono andati a segno. Uno lo ha colpito al fianco, l’altro al torace, il terzo alla
gamba. La vittima ha cercato di investire lo scooter con i due killer. Quest’ultimo particolare è ancora al vaglio degli inquirenti.

Il veicolo utilizzato dai sicari è stato trovato sul posto, poco distante dal punto in cui è scattato il raid mortale.  Nessuna traccia dei due
individui che sono entrati in azione poco dopo le 21,30 di lunedì.


Leggi anche:

Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

TAG