Incendio in un negozio di Pagani, Sessa scrive al Prefetto di Salerno: “Alziamo la guardia”

incendio-negozio-pagani-sessa-prefetto-salerno

Incendio in un negozio di Pagani: il sindaco facente funzione, Anna Rosa Sessa, ha scritto al Prefetto di Salerno per tenere la guardia alta

Incendio in un negozio di Pagani: il sindaco facente funzione, Anna Rosa Sessa, ha scritto al Prefetto di Salerno per tenere la guardia alta.

Sessa scrive al Prefetto per aiutare l’imprenditore di Pagani

In seguito all‘incendio verificatosi ai danni di un negozio di Pagani, il sindaco facente funziona Anna Rosa Sessa ha deciso di scrivere e inviare una lettera al Prefetto di Salerno, Francesco Russo, per cercare di tenere alta la guardia in merito a casi simili.

“Illustre Prefetto,

ho appreso la triste notizia di un incendio ai danni di una storica attività commerciale, situata
nel cuore del centro storico della nostra città.

Il rinvenimento del liquido infiammabile e le telecamere che hanno ripreso un uomo
incappucciato, stando alle notizie di stampa, fanno pensare un vero e proprio raid legato al
“racket”.

Un episodio intimidatorio che desta allarme e preoccupazione e che ci invita ad alzare la
guardia e a “fare rete” per arginare fenomeni preoccupanti.

Alla luce di questo, chiediamo alla SV la convocazione di un comitato per l’ordine e la
sicurezza pubblica“.

L’incendio

L’attività incendiata è la “Buonora Elettrodomestici” di via Verdi. A quanto pare, dietro al gesto, ci sarebbe un atto di ritorsione legato a una storia di pizzo non corrisposto, quindi non si esclude che possa trattarsi di un vero e proprio racket.

Le indagini

Dalle telecamere di videosorveglianza presenti in zona, è emerso che un uomo incappucciato avrebbe appiccato il fuoco usando una tanica di benzina. In effetti, dopo l’accaduto, erano state trovate tracce di liquido infiammabile dentro al negozio dell’imprenditore Buonora.

La solidarietà dell’ex sindaco Gambino

Anche l’ex sindaco di Pagani, Alberico Gambino, ha voluto manifestare la propria vicinanza alle vittime del vile gesto:

“Sono vicino a Massimo Buonora, imprenditore paganese impegnato nel cuore del centro storico della città, la cui attività ha subito un attentato vile, sui cui spero che le forze dell’ordine faccia presto luce.
È dovere delle forze sane della città di Pagani “fare rete” affinché episodi allarmanti come questi possano essere arginati.”

 

TAG