Mercato inidoneo, scoppia la rivolta degli operatori

SAN MARZANO SUL SARNO. Gli operatori commerciali chiedono maggiori controlli, più ordine e rispetto della legalità durante la fiera del martedì, che si svolge tra piazza Amendola, via Berlinguer e relative traverse. Il mercato, secondo gli operatori che vi lavorano, è abbandonato a se stesso. I vigili passano raramente e gli abusivi proliferano. Anche la […]

SAN MARZANO SUL SARNO. Gli operatori commerciali chiedono maggiori controlli, più ordine e rispetto della legalità durante la fiera del martedì, che si svolge tra piazza Amendola, via Berlinguer e relative traverse. Il mercato, secondo gli operatori che vi lavorano, è abbandonato a se stesso. I vigili passano raramente e gli abusivi proliferano.

Anche la riscossione presso gli spuntisti, ovvero coloro che occupano un posteggio solo per un giorno, non sarebbe fatta con regolarità, creando uno svantaggio economico agli operatori che pagano un fitto per poter tenere aperto il banco tutto l’anno. A nome dei mercatali di San Marzano prende la parola Michele Mura, rappresentante di Confcommercio. «Le cose qui non sono mai andate bene nonostante le tante segnalazioni all’amministrazione comunale. Le autorità si fanno vedere solo per portare i bollettini con le quote che dobbiamo pagare», dichiara. I mercatali chiedono la presenza dei caschi bianchi all’inizio e alla fine del mercato per regolare il traffico e il passaggio dei mezzi. Inoltre, chiedono maggiori controlli anche durante la fiera, per assicurarsi che non ci sia nessun abusivo e che chi occupa un posto con un banco sia in regola col pagamento delle relative tariffe. Le polemiche sul mercato del martedì sono di vecchia data. La stessa area che ospita la fiera secondo molti non è idonea.

TAG