A Minori arrivano i “polpi di cittadinanza” per cittadini indigenti

polpi-di-cittadinanza-minori

L'insegnante in pensione, Salvatore Criscuolo, ha organizzato il "polpo di cittadinanza", un'offerta di cibo destinata ai cittadini più indigenti di Minori

MINORI. L’insegnante in pensione, Salvatore Criscuolo, ha organizzato il “polpo di cittadinanza”, un’offerta di cibo destinata ai cittadini più indigenti di Minori.

Si va a pesca per i più bisognosi: Salvatore Criscuolo promuove il suo “polpo di cittadinanza”

Nella città di Minori arrivano i “polpi di cittadinanza”: è la generosa iniziativa promossa da Salvatore Criscuolo, insegnante in pensione e figlio del pescatore Stanislao Criscuolo e di Sabettina Aceto, il quale offre polpi a persone indigenti. A bordo della sua barca, Criscuolo punta a una pesca fortunata ma soprattutto ha informato la cittadinanza tramite un cartello affisso proprio del proprio mezzo marino: “Si concedono polpi appena pescati a cittadini indigenti. Per ottenerli basta semplicemente avvicinarsi a questa barchetta quando al mattino torna dalla pesca”.

Si attendono così le prossime ore per vedere come andrà a finire l’impresa di Criscuolo e se i suoi buoni propositi andranno in porto: l’augurio da parte di tutti è che possa farcela con successo.


Fonte e foto: Il Vescovado

TAG