Nocera Inferiore, la denuncia degli infermieri dell’Umberto I: “Pediatria è a rischio”

ospedale-umberto-i-nocera

Nocera Inferiore, dieci infermieri in servizio nel reparto di pediatria dell'ospedale Umberto I hanno denunciato la direzione sanitaria del Dea

Nocera Inferiore, dieci infermieri in servizio nel reparto di pediatria dell’ospedale Umberto I hanno denunciato la direzione sanitaria del Dea di primo livello e l’Asl Salerno. La mancanza di un pronto soccorso pediatrico mette a rischio i bambini.

Manca il pronto soccorso pediatrico: la denuncia degli infermieri dell’Umberto I

Gli operatori sanitari mettono in evidenza la commistione tra il pronto soccorso generico, che si trova al piano terra, e il reparto di pediatria che si trova al primo piano. «In pratica – spiega l’avvocato Augusto Guerriero che ha redatto la denuncia – l’assenza di un pronto soccorso pediatrico crea caos in pediatria poiché i piccoli pazienti, con i loro genitori, non vengono accettati al pronto soccorso per cui arrivano in reparto senza alcun filtro».

«Questa carenza – si legge nella denuncia presentata alla Procura della Repubblica del Tribunale di Nocera – ha creato nel passato ed ancor oggi forti criticità per i pazienti e il personale infermieristico poiché in caso di emergenza gli infermieri dal reparto devono recarsi al pronto soccorso. Tutto questo genera problematiche a loro e ai bambini. Senza dimenticare che l’assenza di un filtro comporta l’arrivo nei locali di pediatria di tante persone, genitori e parenti dei bambini, che non transitando per il pronto soccorso, attraversano corridoi e camere dove già sono ricoverati altri piccoli pazienti con diverse patologie».

Gli infermieri hanno sottolineato che nemmeno durante la fase dell’emergenza «nulla è stato posto in essere per tutelare i degenti e gli operatori sanitari nonostante le innumerevoli richieste formulate e note ai dirigenti dell’Umberto I». «Ora è arrivato il momento – spiegano i denuncianti – che questa incresciosa situazione venga superata. Bisogna mettere in essere tutti gli opportuni accertamenti per recuperare le condizioni di sicurezza pubbliche e private».

TAG