Cronaca

Nocera Inferiore, funzionamento ente idrico: Torquato chiede convocazione del consiglio

NOCERA INFERIORE. Il Sindaco Torquato chiede con urgenza, insieme agli altri rappresentanti eletti nel distretto Sarnese Vesuviano dell’Ente Idrico Campano, la convocazione del consiglio.

Il motivo è da addebitarsi ai ritardi e alla mancanza di democrazia nel funzionamento dell’Ente Idrico.

Hanno chiesto una convocazione urgente del Consiglio dell’Ente Idrico Campano i nove rappresentanti eletti nel distretto Sarnese Vesuviano.

Ritardi e mancanza di democrazia nel funzionamento dell’Ente Idrico Campano presieduto dal Sindaco di Agerola, Luca Mascolo, hanno indotto i rappresentanti a richiedere la convocazione.

Ci sarebbero in arrivo nuovi pesanti aumenti delle tariffe idriche in Campania.

Intanto L’Ente Idrico Campano che dopo quattro anni avrebbe dovuto chiudere la stagione dei commissari regionali per restituire le competenze ai Comuni, è stato invece completamente esautorato da decisioni prese altrove, svuotando di competenze i suoi organi e riducendoli a un semplice luogo di ratifica.

I Sindaci dei Comuni rappresentati all’interno dell’Ente hanno evidenziato che a due anni dall’approvazione della legge regionale che istituiva l’Ente, il Presidente Sindaco di Agerola, Luca Mascolo, si è limitato a convocare sporadiche riunioni nelle quali ha comunicato le decisioni prese in cabine di regia estranee ai Comuni, gli unici sovrani in materia.

Una situazione questa che porterà inevitabilmente all’ennesimo insostenibile aumento delle tariffe, scaricando su tutti i cittadini campani i costi del salvataggio dei carrozzoni societari come la Gori Spa.

E’ necessario quindi – hanno dichiarato i rappresentanti del distretto Sarnese Vesuviano, tra i quali il Sindaco Torquato – coinvolgere tutte le Amministrazioni Comunali nella discussione sulle gravi proposte avanzate dal Presidente Mascolo e dalla Regione Campania, nonché avviare il percorso per la ripubblicizzazione dell’acqua nel pieno rispetto dei referendum popolari del 2011.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button