Cronaca

Muore a 43 anni per un aneurisma: i suoi organi salveranno altre vite

Nocera, prelevati gli organi di un 43enne morto per aneurisma. Donati il cuore, il fegato e i reni che salveranno altre vite

All’ospedale di Nocera Inferiore è stato effettuato un prelievo di organi su un paziente di 43 anni, risiedente nell’Agro nocerino-sarnese, ricoverato giorni fa per un’emorragia cerebrale conseguente a un aneurisma. Dopo aver ricevuto l’assenso alla donazione da parte dei familiari, nel pomeriggio di martedì 19 luglio è iniziato il periodo di osservazione da parte della commissione di accertamento di morte cerebrale coordinata dal dottor Massimo Petrosino e formata dai dottori Gaetano Aprea, Lucia Olivieri, Giulio Perrotta e dal tecnico Debora Arpaia, messa a disposizione dall’A.O. Ruggi di Salerno.

Nocera Inferiore, prelievo di organi su un 43enne all’ospedale Umberto I

Al termine di tale attività, si sono svolte le operazioni di prelievo degli organi, avvenute in constante contatto
con la centrale operativa del Centro Regionale Trapianti della Campania. Sono stati prelevati il cuore, il fegato e i reni, che sono prontamente stati avviati ai centri di riferimento regionali della Campania per il trapianto dei singoli organi.

Determinante, per la buona riuscita delle operazioni, è stata la perfetta sinergia fra le equipe chirurgiche, i
laboratori e le tante figure professionale coinvolte nell’evento.

Il gesto della famiglia

La Direzione Generale manifesta alla famiglia del donatore, la moglie e i due giovani figli, il proprio cordoglio per la grave perdita, unitamente alla gratitudine per la forza dimostrata in una circostanza così tragica, compiendo un gesto di amore e solidarietà di altissimo valore, che regala una speranza di vita ad altre persone in attesa di trapianto.

Articoli correlati

Back to top button