Politica

Pagani, ufficiale la candidatura di Gambino: i dettagli della conferenza

PAGANI. Questa mattina, Alberico Gambino ha reso ufficiale la sua candidatura a sindaco in occasione delle prossime elezioni comunali a Pagani.

Gambino ufficializza la propria candidatura in una conferenza stampa: ecco i primi punti del programma elettorale

Puntare alla realizzazione del Puc, andare in gara per riqualificare l’Istituto Scolastico Manzoni, rilanciare l’Auditorium, sostenere gli operatori del mercato ortofrutticolo Nocera-Pagani, migliorare le politiche sociali e lasciare la Pagani Servizi come unica società partecipata del Comune di Pagani: questi sono i punti principali che caratterizzeranno il programma elettorale alle prossime elezioni del candidato sindaco Alberico Gambino.

Si è tenuta questa mattina, alle ore 10.30, presso il suo studio sito al Corso Ettore Padovano, la conferenza stampa durante la quale Gambino ha reso ufficiale la sua candidatura per la fascia tricolore di Palazzo San Carlo. L’attuale consigliere regionale e già due volte sindaco di Pagani, ha manifestato la propria intenzione di proseguire quanto lasciato in sospeso dopo aver amministrato la città dal 2002 al 2009. Si rimette così in discussione dopo aver ottenuto l’appoggio di Direzione Italia, di Udc e soprattutto della Lega.

Le dichiarazioni e i progetti

«Ho lavorato affinché si potesse mettere insieme una colazione di persone e professionisti locali per far sì che si potesse mettere su un progetto di rinascita della città di Pagani – ha esordito Gambino – Questa città va revisionata in ogni suo aspetto. Mi candido per il bene della comunità, faccio io quello che ho chiesto di fare agli altri: continuare l’opera di amministrazione compiuta da me dal 2002 al 2009 vi,sto che conosco la macchina amministrativa e i dipendenti del Comune di Pagani. Non lo faccio per rivalsa ma perché questa comunità ha bisogno di un sussulto di orgoglio».

In seguito, l’ex primo cittadino liguorino ha poi presentato alcuni progetti che avrebbe intenzione di realizzare qualora dovesse essere eletto alle prossime elezioni comunali: «Bisogna innanzitutto creare un Puc adeguato, attraverso il quale va ridisegnata la città per i prossimi trent’anni in ambito culturale ed economico. Ci sono delle imprese da recuperare e un nuovo impulso da dare all’imprenditoria locale». L’attenzione è poi passata sull’eventuale recupero dell’Istituto Scolastico Manzoni, per il quale Gambino ha intenzione di comprendere la situazione dei finanziamenti chiesti al Miur: «La rinascita della Manzoni sarà il simbolo della ripartenza di Pagani». Aiuto e sostegno invece per gli operatori del mercato ortofrutticolo: «Il mercato deve essere gestito dagli operatori che lo vivono ogni giorno: la politica deve restarne fuori, tranne per creare condizioni migliori per renderlo più agevole e a passo con i tempi».

Gambino però torna anche su alcune opere nate durante le sue passate amministrazioni, come l’Auditorium: «L’Auditorium va consegnato non solo alla città di Pagani ma anche all’intero Agro affinché possa diventare fonte di cultura a 360 gradi». Naturalmente, l’attuale consigliere regionale pensa a lavorare anche su possibili risparmi legati sia alle tasche dei cittadini sia delle casse comunali. Infatti, chiarisce che è sua intenzione abbassare i prezzi della struttura che gestisce le politiche sociali in merito ai servizi offerti ai cittadini. Per quanto riguarda il servizio dei rifiuti, si pensa all’eliminazione di una delle due società partecipate del Comune, lasciando alla sola Pagani Servizi (nata dalle ceneri della Multiservice) non solo la gestione del servizio rifiuti ma anche tante altre attività da svolgere sull’intero territorio.

La situazione politica di Pagani

Alla conferenza erano presenti molte persone del panorama politico (e non solo) da sempre vicine ad Alberico Gambino: Anna Rosa Sessa (attuale consigliera di minoranza), Francesco Toscano (ex assessore dell’amministrazione Gambino) ed Emilio Bonaduce. Intanto, l’altra parte del centrodestra paganese sembrerebbe intenzionato a muoversi lontano dalla coalizione targata Lega-Udc-Direzione Italia e sembrerebbe pronta a puntare tutto sulla figura di Raffaelina Stoia come candidato sindaco. Lello De Prisco, invece, proseguirà da solo con tre liste civiche. Bottone resta ormai il punto di riferimento del centrosinistra targato Pd. Si attendono invece interessanti novità sul fronte Antonio Donato e Aldo Cascone. 

 

 

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button