Pestaggi nei locali di Salerno e della Piana del Sele, Castagna: “Mai ordinato di uccidere Quaranta”

pestaggi-locali-salerno-piana-del-sele-castagna

Pestaggi nei locali di Salerno e della Piana del Sele, Castagna: "Mai ordinato di uccidere Quaranta". Ecco tutti i particolari dell'udienza

Pestaggi nei locali di Salerno e della Piana del Sele, Castagna: “Mai ordinato di uccidere Quaranta“. Ecco tutti i particolari dell’udienza.

L’imputato si difende

Walter Castagna, indagato per il caso delle violenze nei locali di Salerno e della Piana del Sele, ha respinto le accuse di voler uccidere il rivale Nino Quaranta. Castagna si è difeso sostenendo di non avere “mai ordinato di uccidere Nino”. A riportare la notizia è il quotidiano “Le Cronache”.

Nell’ambito dell’inchiesta sui pestaggi e le violenze per la sicurezza nei locali di Salerno e della Piana del Sele è stata fissata per domani l’udienza dai giudici del tribunale del Riesame per Walter Castagna arrestato lo scorso 18 dicembre.

A ricorrere ai giudici del Riesame sono stati i legali del buttafuori e gli avvocati di altri indagati ammanettati lo stesso giorno. L’omicidio, non fu mai eseguito. Doveva essere Vincenzo Cortiglia ad uccidere Nino Quaranta, titolare di una palestra a Salerno in via Irno. Ma Castagna ha respinto le accuse di voler far uccidere il rivale.

TAG