Cronaca

Politica e camorra a Scafati: chiesta la proroga dello scioglimento

SCAFATI. È durato più di un ora il confronto per confermare la volontà di chiedere al Consiglio dei ministri, dopo la proposta ufficiale dei vertici del Viminale, la proroga dello scioglimento del consiglio comunale di Scafati per i condizionamenti camorristici non ancora superati.

Si è parlato principalmente di questo argomento durante il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica che, ieri pomeriggio dopo le 16.30, si è riunito nel Municipio scafatese.

Politica e camorra: chiesta la proroga dello scioglimento

Come racconta Il Mattino, la Commissione straordinaria, coordinata dal prefetto Giorgio Manari, ha fatto gli onori di casa alle massime autorità sul territorio provinciale, arrivate insieme al prefetto Salvatore Malfi, alla sua prima uscita ufficiale dopo la vicenda giudiziaria che l’ha interessato.

La discussione determinata dalle intercettazioni ambientali raccolte dagli uomini della Dia di Salerno e confluite all’interno dell’operazione Antimafia denominata “Satyricon”, attività nata dopo l’inchiesta madre “Sarastra” partita nel 2015, e che mostra l’infedeltà dei dipendenti comunali, che secondo gli inquirenti sarebbero ancora asserviti alle vecchie logiche di potere come spiegano nelle loro conversazioni Nello Maurizio Aliberti e Giovanni Cozzolino.

L’informativa della Dia

Come si legge nell’informativa della Direzione investigativa Antimafia, trasmessa anche al prefetto di Salerno: «Angelo Pasqualino Aliberti continua a veicolare ai sodali, con modalità in corso di accertamento, le proprie direttive, oltre a poter contare sulla disponibilità di funzionari e dipendenti del Comune di Scafati, nonostante lo scioglimento e l’insediamento della Commissione straordinaria per gestione dell’Ente nominata dal Presidente della Repubblica ». Grazie a queste indagini chiederà al ministero dell’Interno di proporre la proroga dello scioglimento dell’Ente scafatese per altri sei mesi, come prevede la legge.

Il Consiglio è stato sciolto nel gennaio del 2017. Se passasse la proposta della proroga i commissari lascerebbero il municipio all’inizio dell’anno prossimo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button