Cronaca

Panificio da incubo a Salerno: muffa, infiltrazioni d’acqua e laboratorio comunicante con il bagno

Salerno, panificio chiuso dai Nas per carenze igienico-sanitarie e spogliatoio utilizzato come deposito di materie prime

Un panificio chiuso dai Nas in provincia di Salerno dove proseguono in tutta la Provincia i controlli dei Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Salerno avviati, sin dall’inizio della stagione turistica, a tutela della salute pubblica.

In particolare, negli ultimi giorni, sono state ispezionate numerose attività commerciali e laboratori per la preparazione di alimenti, che hanno portato alla chiusura di un panificio – in precarie condizioni igieniche – e alla contestazione di tre diffide.

Nas Salerno, chiuso un panificio in provincia

Nel corso dell’ispezione del panificio, effettuata congiuntamente a personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro e della locale Asl, il Nas di Salerno ha proceduto all’immediata chiusura dell’attività (laboratorio e punto vendita) in quanto ha constatato precarie condizioni igienico – sanitarie e strutturali, tra cui: sporco pregresso in alcuni ambienti e attrezzature, servizio igienico comunicante con il laboratorio di produzione, cucina priva della cappa di aspirazione, spogliatoio utilizzato come deposito di materie prime, infiltrazioni di acqua e presenza di muffa.


salerno-panificio-chiuso-nas-carenze-igienico-sanitarie


Nello stesso esercizio i carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro hanno anche esaminato tre posizioni lavorative, delle quali due sono risultate in nero, contestando violazioni amministrative (maxi sanzione per lavoro nero) per un importo complessivo pari a 9.700 euro (sospensione dell’attività imprenditoriale).

I controlli in Cilento

Nel Cilento, dopo le recenti verifiche effettuate nell’area Capaccio-Paestum, sono state ispezionate anche numerose attività delle zone limitrofe. In particolare i titolari di un bar e di due supermercati sono stati diffidati affinché provvedano a rimuovere lievi criticità igienico sanitarie rilevate a vario titolo. Il valore dei provvedimenti adottati è stimato in oltre 200mila euro. I controlli proseguiranno nelle prossime settimane, con particolare riguardo alle zone a maggior afflusso turistico.

Articoli correlati

Back to top button