Cronaca

Salvato dall’Esercito durante la frana a Sarno, le commoventi parole: “Senza di voi non sarei qui”

SARNO. È questa mattina che il Dott. Roberto Robustelli, sopravvissuto alla frana di Sarno del 5 maggio del 1998, ha partecipato alla cerimonia dell’alzabandiera a Palazzo Salerno, sede del Comando Forze Operative Sud.

Salvato dall’Esercito durante la frana a Sarno

Nel corso della commemorazione dei 20 anni dal tragico evento, celebrata a Sarno lo scorso 5 maggio, lo stesso Roberto Robustelli aveva raccontato la sua storia.

Aveva 23 anni quando rimase seppellito per oltre 70 ore dopo essere stato travolto da un mare di fango che lo spinse in un garage e fu l’ultimo a uscire vivo dall’inferno perché salvato grazie alla tenacia ed alla caparbietà del 1° Mar. Filippo Pascarella del 21° Reggimento Genio Pioneri, oggi reggimento Guastatori di Caserta, grazie ad una sonda in dotazione al reparto che riesce a percepire i battiti cardiaci.

Le commoventi parole

Commoventi le sue parole: “Se oggi riesco a sorridere, ad arrabbiarmi ed a percepire le sfumature dei colori dell’arcobaleno è grazie a voi militari” ha detto Roberto questa mattina con voce emozionata”.

Il Dott. Robustelli è stato accompagnato dall’avvocato Gianpaolo Salvato Assessore alla Sicurezza del Comune di Sarno vicino al mondo militare anche perché ex allievo della Scuola Militare Nunziatella, che ha ringraziato il Generale Castellano ed i militari per il lavoro che quotidianamente svolgono in Italia e all’estero.

Durante la cerimonia dell’alzabandiera, come riporta Sarnonotizie, inoltre, sono state lette alcune poesie tratte da un libro che raccoglie le testimonianze ed i sentimenti degli studenti della scuola elementare di Sarno durante l’anno della tragedia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto