Cronaca

Scafati, aggredisce arbitro durante partita di basket: a processo

Aggredisce arbitro durante una partita di basket a Scafati: finisce a processo un 51enne, il quale aveva anche danneggiato l’auto della vittima.

Tifoso aggredisce arbitro a Scafati: finisce a processo

Arbitro aggredito durante una partita di basket disputatasi a Scafati: finisce a processo un uomo di 51 anni. Il tutto risale al 24 gennaio 2014, in occasione della partita del campionato dilettanti tra Lions Basket Gragnano e Sammaritana.

Una decisione di troppo non condivisa fu la condanna dell’arbitro, il quale fu aggredito e poi trovò la propria auto danneggiata. Come se non bastasse, dopo la denuncia, l’aggressore negò tutto e addirittura avanzò una contro accusa sostenendo che era tutta una calunnia ai suoi danni.

Alla fine però sotto processo è finito il 51enne, per il quale si pronuncerò il giudice monocratico del Tribunale di Nocera Inferiore.

«A seguito di una denuncia sporta nei suoi confronti dall’arbitro della partita di basket – si legge nell’imputazione – l’uomo a sua volta lo denunciava per averlo ingiustamente accusato di essere responsabile di un’aggressione ai suoi danni e del danneggiamento della sua autovettura, avvenuti poco dopo l’incontro, consapevole invece di averlo aggredito e di avergli danneggiato l’auto, così incolpandolo del reato di calunnia pur sapendolo innocente». Dietro quell’aggressione vi sarebbe stata la conduzione arbitrale del match, con lo scafatese che dalle proteste sarebbe poi passato ai fatti. L’arbitro, in questo caso vittima, era originario di Sorrento ed all’epoca aveva 26 anni.

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button