Cronaca

Chiedeva soldi per l’assegnazione dei loculi, a processo dipendente del cimitero di Angri

Soldi per un loculo, a processo dipendente del cimitero di Angri: si faceva versare le somme di denaro per l'assegnazione di un loculo 

Va a processo un dipendente del cimitero di Angri accusato di pretendere soldi dalle famiglie per l’assegnazione di un loculo. Il gup Daniela De Nicola ha dunque disposto il rinvio a giudizio per il dipendente accusato di falso materiale in qualità di addetto ad un pubblico servizio, in relazione alla compilazione di falsi bollettini postali per il pagamento degli oneri previsti per le pratiche di inumazione presso il cimitero di Angri di cui era dipendente.

Angri, a processo dipendente del cimitero: chiedeva soldi per l’assegnazione dei loculi

Come riportato dal quotidiano La Città, al termine delle indagini furono contestati al dipendente oltre 2800 euro. Inoltre l’accusato risponde di essere entrato in possesso di somme di denaro incassate tramite versamenti per le pratiche cimiteriali con due falsi bollettini, liquidati tramite una società di servizi postali.

L’accusa

Inoltre, come dipendente dell’Ente, si faceva versare le somme di denaro per l’assegnazione di un loculo per la cifra di 2mila euro, per tutto il periodo estivo del 2016.

Articoli correlati

Back to top button