Cronaca

Terremoto a Ischia, morta una donna. Crolla abitazione, sette persone sotto le macerie

Una scossa di magnitudo 3.6 ha colpito l’isola di Ischia e la costa flegrea. Centinaia le persone in strada, molti danni nel comune di Casamicciola dove sarebbero crollate sei case. Una donna è morta, colpita dai calcinacci della chiesa di Santa Maria del Suffragio. Si cerca un intero nucleo familiare di sette persone che si troverebbero sotto le macerie della propria abitazione. Fra Casamicciola e Forio i dispersi sarebbero in tutto dieci. I feriti sono 25, alcuni molto gravi. Distrutta la chiesa del Purgatorio, isolati numerosi alberghi.

La scossa, registrata in mare a una profondità di 10 chilometri, è stata avvertita distintamente anche in altre zone dell’isola, come Barano e Forio. I comuni più vicini all’epicentro sono Forio, Serrara Fontana, Lacco Ameno, Barano d’Ischia e Casamicciola Terme. Decine e decine di telefonate sono giunte ai vigili del fuoco. Le squadre dei pompieri impegnate sul fronte degli incendi sono state dirottate nelle aree colpite.

L’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno è stato evacuato per la presenza di numerose crepe nel palazzo. Nella struttura sono rimasti solo cinque degenti intubati. Allestita e operativa un’area di pronto soccorso esterna all’ospedale, in attesa delle verifiche di staticità sulle strutture. Pronti i trasferimenti in eliambulanza ed idroambulanza dei pazienti ricoverati nel reparto Rianimazione. Sono inoltre disponibili 3 traghetti Medmar e Caremar per eventuali ulteriori trasferimenti.

“Ho visto lesioni lungo una parete della struttura alberghiera che ci ospita. Al momento della scossa siamo fuggiti tutti in strada. Ho avuto tanta paura”. Così all’agenzia Ansa un professionista, A.P., in vacanza nell’isola d’Ischia, descrive quanto è avvenuto a Lacco Ameno poco prima delle 21. “Mi stavo preparando per scendere – dice – quando si è avvertita la scossa, breve ma intensa. Siamo andati tutti in strada e ora mi accorgo di lesioni lungo alcuni muri della struttura”.

La Repubblica

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button