Cronaca

Vertenza manifatture cotoniere: i sindacati chiedono rispetto degli accordi

SALERNO. Vertenza dei dipendenti manifattura cotoniere meridionale di Fratte a Salerno, i sindacati chiedono il rispetto degli accordi sottoscritti presso la Prefettura di Salerno.

I sindacati chiedono il rispetto degli accordi per i dipendenti manifattura cotoniere meridionale di Fratte a Salerno

Nulla si è mosso dopo l’intesa raggiunta, qualche anno fa, tra il Gruppo Lettieri, il Comune di Salerno, la Regione Campania e le parti sociali, concordando di dar vita alla modifica del piano regolatore comunale al fine di consentire delle iniziative produttive e commerciali e, precisamente, la realizzazione del centro commerciale “Le Cotoniere” per ricollocare i dipendenti ex Mcm, nonché dell’avvio della fabbrica Medsolar per la produzione di pannelli solari e poi successivamente dismessa per essere convertita nell’attuale centro commerciale “La Fabbrica”.

Per questo motivo è scattato il nuovo appello di Angelo Rispoli, segretario generale della Fiadel Salerno che, insieme ai colleghi Giovanni Berritto della Cgil e Gennaro Scarano della Uil, ha scritto una nota a prefetto di Salerno, Governatore della Campania, assessore regionale al Lavoro, sindaco di Salerno, Gruppo Lettieri e vertici dei centri commerciali “La Fabbrica” e “Le Cotoniere”, per chiedere il rispetto degli accordi.  “Si riscontrano ritardi e difficoltà nell’attuazione della piena occupazione nel rispetto di quanto sottoscritto nelle intese”, ha detto Rispoli. “Insieme agli altri colleghi sindacalisti ho chiesto di convocare presso la prefettura di Salerno tutte le parti interessate, al fine di ridurre lo stato di tensione sociale esistente tra gli ex dipendenti per il mancato rispetto degli accordi. Le maestranze sono in stato di agitazione ed al momento si astengono dal porre in essere ulteriori iniziative di lotta. Ma se non ci saranno sviluppi siamo pronti anche a incatenarci davanti ai centri commerciali del Gruppo Lettieri”.

Una situazione insostenibile, come denunciano i delegati sindacali della Fiadel provinciale, Rosaria Siniscalchi e Gaetano Di Martino. “Con un figlio a carico e un mutuo da pagare voglio sapere come si può andare avanti con un contratto di 20 ore settimanali”, ha detto.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Gaetano Di Martino. “Dopo una vita di sacrifici mi ritrovo con un contratto di 20 ore settimanali”, ha spiegato. “Ci siamo licenziati pur di avere un futuro più sicuro e ora ci ritroviamo solo con tanta incertezza”.

 

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button