Cronaca

Vertenza Treofan: lavoratori a Roma per l’incontro al Mise, Di Maio assente

ROMA. Una nuova puntata della vertenza Treofan. I lavoratori dello stabilimento di Battipaglia sono a Roma, in attesa dell’incontro al Mise. Il ministro Di Maio sarà però assente.

Lavoratori Treofan al Mise in attesa dell’incontro con Jindal

Sono partiti all’alba da Battipaglia, per un incontro che – almeno sperano – possano cambiare i loro destini lavorativi. I dipendenti della Treofan attendono sviluppi positivi dall’incontro in programma nel primo pomeriggio al Ministero dello Sviluppo Economico.

Ai microfoni del programma “L’aria che tira” su La7 anche questa mattina Federica Colabene e Laura Conte. Hanno fatto da portavoce alle istanze dei colleghi:

Revoca della procedura di mobilità. A questo tavolo di saranno presenti anche i Governatori delle regioni Campania, Puglia e Umbria. Lo stabilimento di Battipaglia sorge in una Zes (zona economica speciale) e chi ci governa deve impedire che il territorio venga privato di questa industria.

La reindustrializzazione potrebbe essere una possibile soluzione, sebbene la nostra intenzione sia di proseguire nella produzione di “film” per imballaggi. Avevamo commesse fino al luglio 2019, fin quando Jindal ha deciso di spostare la nostra produzione in altri stabilimenti.

Sarà l’occasione per incontrare i vertici di Jindal che, nonostante altri incontri a Roma, hanno inviato lettere di licenziamento a 65 lavoratori dello stabilimento della Piana del Sele. Non ci sarà però il ministro Luigi Di Maio, impegnato nella presentazione della card per il reddito di cittadinanza.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto