Cronaca

«Vi ricordate di me?» tentata rapina alla deutsche bank di via L. Guercio

SALERNO. Nella giornata di mercoledì 11, presso la filiale salernitana della deutsche bank sita in via L. Guercio, intorno alle ore 7:00, F. B. un ingegnere salernitano da poco in pensione era in compagnia della moglie quando, intento ad avvicinarsi alla struttura di credito, è stato avvicinato da un individuo elegante a bordo di un fuoristrada bianco. Stando a quanto riportano le dichiarazioni della vittima, il trasgressore ha attirato l’attenzione della vittima con la classica frase «vi ricordate di me?».

Ingenuamente, F. B. ha risposto a costui donandogli automaticamente un’identità fittizia, «ah ma sei il figlio del mio collega» e la risposta fu scontata «sì, sono proprio io». Mentre la moglie era occupata ad effettuare un’operazione allo sportello ha lasciato chiacchierare il marito con il soggetto in questione, pensando si trattasse di un suo ex collega di lavoro. Infine, l’ingegnere si è poi convinto di non essere in pericolo ed ha accettato l’offerta del suo interlocutore di salire all’interno del suo abitacolo.

L’auto ha percorso un breve tragitto all’interno di queste due zone: via A. Guglielmini e via M. Greco, per poi ritornare nuovamente in via L. Guercio. In questo lasso di tempo, essendosi accorta del pericolo, la moglie ha iniziato a tempestare di chiamate il marito che in seguito ha risposto al telefono affermando d’essere a bordo dell’auto del figlio di un suo carissimo ex collega di lavoro. Il mal’intenzionato, avendo paura d’essere stato identificato, ha lasciato scendere dall’auto l’ingegnere nello stesso punto in cui l’aveva adescato dileguandosi frettolosamente. Solo tanta paura per i coniugi.

Antonio Bassano

Giornalista pubblicista dal 2017, ma anche eterno appassionato di lotta, pittura, street photography e del mondo otaku. Cresciuto giornalisticamente grazie al quotidiano L'Occhio di Francesco Piccolo, Antonio Bassano ha un approccio alla professione letterario semplice e spontaneo, nonché orientato a mettere a nudo la notizia senza commistioni o forzature.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button