Cronaca

Armi rubate nel salernitano: due persone arrestate

Nella notte, a San Pietro al Tanagro, i Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina, diretti dal Capitano Davide Acquaviva, hanno tratto in arresto due persone già note alle forze dell’ordine – un italiano di 51 anni ed un rumeno di 48 – per detenzione e porto di arma ricettata e munizioni.

I militari del Radiomobile e della Stazione di Sala Consilina, nel corso di servizio perlustrativo, intimavano l’alt ad un’autovettura Fiat Punto con a bordo i due dalla quale, nell’accostare presso un’area di servizio di San Pietro al Tanagro, il cittadino straniero si dava a precipitosa fuga nelle campagne circostanze, disfacendosi di una pistola semiautomatica marca Astra cal. 7.65, perfettamente funzionante, completa di serbatoio con 6 proiettili, cestinandola in un bidone dell’immondizia ivi presente.

San Pietro al Tanagro, armi rubate nel salernitano: due persone arrestate

I Carabinieri, a seguito di immediate ricerche, rintracciavano l’uomo in fuga ad Atena Lucana, terminando il suo tentativo di latitanza. All’interno dell’autovettura gli operanti rinvenivano e sequestravano ulteriori 14 proiettili calibro 7.65, sottoponendo complessivamente a sequestro l’arma semiautomatica e 21 munizioni.

Le prime risultanze investigative hanno consentito di accertare che l’arma da fuoco è provento di furto in abitazione.

Consumato a Capaccio Scalo nel luglio del 2015; la stessa sarà sottoposta ad accertamenti balistici per verificare l’eventuale utilizzo in azioni delittuose a fuoco. Gli arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, in attesa del rito per direttissima da celebrarsi dinnanzi l’Autorità Giudiziaria di Lagonegro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button