Cronaca
Trending

In fin di vita a 2 mesi per un ago, i medici dell’ospedale di Battipaglia in Procura come testimoni

Battipaglia, ascoltati dalla Procura i medici che salvarono Sofia Rosa, la bambina di 2 mesi che rischiò di morire per un ago

Il pm ascolterà i medici dell’ospedale di Battipaglia che salvarono la vita alla piccola Sofia Rosa. La bambina, che all’epoca dei fatti aveva 2 mesi, arrivò al Santa Maria della Speranza nel luglio del 2019 con sintomi di stenosi del piloro. Inizialmente fu ricoverata all’ospedale Ruggi di Salerno ma – come spiegato alla famiglia – non fu ricoverata in terapia intensiva neonatale perché superava il mese di vita.

Battipaglia, in Procura i medici che salvarono Sofia Rosa

Come riportato dall’edizione odierna del quotidiano La Città nell’articolo a firma di Stefania Battista, i medici e i sanitari dell’ospedale di Battipaglia saranno ascoltati in Procura in qualità di persone informate sui fatti. I genitori della bambina denunciarono i medici del Ruggi di Salerno dopo che i medici tentarono di introdurle aghi per flebo di misura troppo grande, causando una serie di lesioni e lividi nel tentativo di idratarla. 

La rabbia dei genitori

I genitori della piccola, Raffaele Roberta, protestarono ottenendo il trasferimento all’ospedale di Battipaglia. Un pediatra raccontò: Siamo stati costretti a mettere una flebo intraossea perché le sue vene erano tutte chiuse e la piccola piena di ecchimosi provocate dai continui tentativi di infilarle un ago nelle vene”.

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto