Cronaca

Battipaglia, fallimento Techmania: condannato Andrea Milite

È stato condannato a 7 anni e 6 mesi di carcere l'imprenditore del web Andrea Milite, di Battipaglia: 63 truffe e 2 bancarotte

Condannato a 7 anni e 6 mesi per bancarotta e truffa l’amministratore delegato della Techmania, Andrea Milite (nella foto). La sentenza di primo grado, emessa dai giudici del Tribunale di Salerno, è relativa all’inchiesta sul fallimento del marchio dell’azienda di Battipaglia, divenuta in passato di rilevanza internazionale, operante nel settore delle vendite online.

Techmania, Andrea Milite condannato

Dopo aver stabilito il contatto con i clienti ed incassato il pagamento, mediante accredito su conto corrente, l’imprenditore battipagliese rassicurava i clienti sulla consegna dei prodotti ordinati, in realtà mai corrisposti agli acquirenti, anche fornendo loro falsi codici identificativi della spedizione.

In alcuni casi, a fronte di richieste di risoluzione dei contratti, avrebbe addirittura simulato rimborsi. Questo il fronte iniziale delle indagini, che si ampliarono sul versante fiscale della società, dichiarata fallita e bloccata anche dal Garante della concorrenza e del mercato. Per il gup fu solo Milite a mettere in atto gli escamotage finanziari per sfuggire ai creditori: furono, infatti, scoperte delle società satelliti, due delle quali sarebbero servite per fare confluire i profitti della Techmania nel tentativo di sottrarli a confisca.

Organizzava false vendite online di telefonini e altri prodotti informatici, ma ometteva di praticare il drop ship, ovvero la vendita dopo aver, a sua volta, acquistato da società terze, ma di aver sempre dichiarato di avere il prodotto immediatamente disponibile. È stato condannato a 7 anni e 6 mesi di carcere l’imprenditore del web Andrea Milite, di Battipaglia.

Condannato imprenditore di Battipaglia per truffa

L’imprenditore di Battipaglia, come riporta Il Mattino, è stato condannato dal gup perché responsabile di 63 truffe accertate e due bancarotte oltre che di diversi altri reati. Andrea Milite intascava i soldi dei clienti senza impiegarli nell’acquisto dei cellulari presso le altre ditte. Insomma i clienti non ricevevano mai i prodotti acquistati. Milite si sarebbe reso responsabile anche della bancarotta di due società, la Milite Group e Techoshop.

Cos’é il drop ship

Per drop ship (anche conosciuto come drop shipping o dropshipping) si intende un modello di vendita grazie al quale il venditore vende un prodotto ad un utente finale, senza possederlo materialmente nel proprio magazzino. Il venditore, effettuata la vendita, trasmetterà l’ordine al fornitore che in questo caso viene chiamato “dropshipper”, il quale spedirà il prodotto direttamente all’utente finale.

In questo modo, il venditore si preoccupa esclusivamente della pubblicizzazione dei prodotti, senza le relative incombenze legate ai processi di imballaggio e spedizione che invece sono a cura del fornitore.

Gli altri imputati

Nessuna condanna, invece, per gli altri cinque imputati, assolti o prosciolti per non aver commesso il fatto. Le indagini presero il via a seguito di numerose denunce presentate alla Procura della Repubblica di Salerno ed alla Guardia di Finanza di Eboli, che svelarono affari sospetti, spedizioni di articoli mai effettuate o sparite nel nulla, tra cui fotocamere, smartphone e prodotti hi-tech.

Articoli correlati

Back to top button