Eventi e cultura

Campagna, socializzare a scuola: l’iniziativa “Nessun parli”

CAMPAGNA. L’Istituto di Istruzione Superiore Teresa Confalonieri Di Campagna capofila e promotore di un’iniziativa che è insieme cultura, arte, socializzazione, didattica e sperimentazione.

Un appuntamento programmato per martedì 21 novembre e che si inseriscenell’iniziativa “Nessun Parli…: musica ed arte oltre la parola”, promossa dal Miur in collaborazione con il Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica per tutti gli studenti (Cnapm). L’IIS T. Confalonieri però ha fatto di più, promuovendo un’ampia partecipazione, aperta non solo alla città, ma anche al territorio, coinvolgendo istituzioni locali e riferimenti scolastici, insieme con organismi culturali ed artistici, rinnovando la sua vocazione per una una didattica aperta, che sappia coinvolgere tutte le componenti della scuola, a cominciare da alunni e studenti. Martedì 21 novembre, dalle ore 8,15 e fino alle 20,15, la scuola si trasforma in un ideale palcoscenico per musica e creatività, in partenariato con gli istituti comprensivi “G. Palatucci” e “Campagna Capoluogo”, il Conservatorio di Salerno, il Comune di Campagna, l’associazione ACAM e il teatro dei Dioscuri.

I laboratori e le attività vedranno come protagonisti gli alunni durante la mattina, ma nel pomeriggio saranno aperti anche ad alunni di altre scuole. «E’ uno straordinario appuntamento – commenta la dirigente scolastica dell’IIS Teresa Confalonieri, Rossella De Luca -, che ha impegnato l’intero organico della scuola e che indica anche la cifra dell’impegno e della passione con cui questa scuola viene vissuta.

L’evento di martedì rinnova la traccia che la nostra scuola segna in settori suggestivi come la musica e le forme d’arte, ma in questa occasione abbiamo voluto aprire ancora di più all’esterno, sia ospitando artisti, sia, soprattutto, altre scuole. Anche per questo rivolgo un ringraziamento alle dirigenti scolastiche Antonetta Cerasale e Carmela Iaccarino che hanno assicurato ampia e convinta partecipazione all’iniziativa. L’impegno nell’organizzazione e la partecipazione registrata ci dicono che avevamo visto giusto nell’aprire sempre più la scuola all’esterno ed assicurare occasioni di crescita didattica ed umana a studenti ed alunni».

Articoli correlati

Back to top button