Cronaca

Eboli, cure negate ad un 58enne: “Faccio chemioterapia a mie spese”

Cure negate nella sanità pubblica: un 58enne di Eboli si è visto rifiutare la richiesta di svolgere una chemioterapia

Cure negate nella sanità pubblica, un’altra storia di ingiustizia. Un 58enne di Eboli si è visto rifiutare la richiesta di svolgere una chemioterapia biologica dall’ospedale Moscati di Avellino: “Le faccio a mie spese”.

Cure negate dalla sanità pubblica, la storia

Il 58enne è affetto da plasmocitoma multifocale, scoperto dopo una prima visita nell’agosto di quest’anno. Dopo essersi sottoposto ad una serie di analisi presso l’Istituto Clinico Humanitas di Milano, è tornato ad Eboli con la raccomandazione di dover svolgere delle terapie prima di potersi sottoporre a trapianto autologo, a cui è già candidato, ma la sanità pubblica gli ha chiuso le porte.

Il 58enne ha fatto richiesta al Moscati di Avellino per svolgere la chemioterapia biologica. Ma, a causa delle direttive imposte dalla Regione, non c’è posto per i malati oncologici. L’intervento però rientra tra quelli salvavita che dovrebbero essere garantiti. Fortunatamente l’uomo ha trovato un’alternativa rivolgendosi all’assistenza privata garantita

Fonte: Il Mattino

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto