Cronaca

Falsi report sui viadotti, spunta il viadotto dell’A30 di Sarno

Nuova operazione della Guardia di Finanza nell’ambito dell’inchiesta sulla sicurezza dei viadotti autostradali nata da quella sul crollo del ponte Morandi. Al centro del nuovo filone di indagine, dirigenti e tecnici di Autostrade per l’Italia e di Spea (la controllata che si occupa di manutenzione e monitoraggio) che, secondo gli inquirenti, avrebbero redatto falsi report sui viadotti in concessione ad Aspi prima e dopo il crollo del ponte genovese. Spunta anche il viadotto dell’A30 di Sarno.

Falsi report sui viadotti

I viadotti finiti nel mirino sono il Pecetti in A26, in Liguria, e il Paolillo, in A16, in Puglia. L’inchiesta bis pero’ riguarda anche il viadotto Moro, vicino a Pescara, il Sei Luci e il Gargassa in Liguria e il Sarno sull’A30.

I dettagli

L’indagine sui falsi report si concentra su diversi episodi legati a forme di alterazione, pressione e falsificazione dei report sullo stato dei viadotti e sulle condizioni di sicurezza, “falsificazioni e omissioni concordate – specificano le Fiamme Gialle – finalizzate ad occultare agli ispettori del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti elementi rilevanti sulla condizione dei manufatti ed il loro stato di conservazione – in occasioni di attività ispettive e nell’ambito della vigilanza ministeriale – che avrebbero comportato una verifica globale dell’opera ed altre misure precauzionali”.“Aspi afferma che i viadotti sono sicuri, ma Atlantia, la società madre, “ha deliberato l’avvio immediato di un audit sui fatti, da affidarsi a primaria societa’ internazionale, per verificare la corretta applicazione delle procedure aziendali da parte di societa’ e persone coinvolte”

Articoli correlati

Back to top button