Gli operai della raccolta rifiuti scioperano? Il sindaco diventa spazzino

È successo a Magliano Vetere, dove il sindaco Carmine D'Alessandro si è fatto consegnare le chiavi dell'automezzo per la raccolta rifiuti

MAGLIANO VETERE. Gli operai della raccolta rifiuti scioperano? Il sindaco diventa spazzino. È successo a Magliano Vetere, dove il sindaco Carmine D’Alessandro si è fatto consegnare le chiavi dell’automezzo per la raccolta dei rifiuti e si è trasformato in operatore ecologico.

Quando il sindaco D’Alessandro ha saputo che gli operai della Yele, società in liquidazione che si occupa di rifiuti, avevano deciso di protestare, si è messo all’opera. Un gesto nobile da parte del primo cittadino, anche se occorre evidenziare che gli operai della Yele avevano tutto il diritto di protestare, giacché non hanno ricevuto il pagamento dello stipendio.

D’altra parte, il sindaco D’Alessandro ha il dovere di mantenere il suo paese pulito. Così ha affidato in via diretta alla Fondazione Veteres il servizio di spazzamento e pulizia di piazze e giardini da luglio a dicembre. La cifra stanziata è di 37mila euro.


 

TAG