Gubitosi del Giffoni Film Festival guadagna più di Mattarella

Ecco quanto guadagna Claudio Gubitosi, fondatore e direttore artistico del Giffoni Film Festival, la rassegna, nata nel 1971, fiore all’occhiello della Campania. I guadagni sono stati pubblicati, insieme a quelli di tutto lo staff del Gff, sul sito ufficiale del festival www.giffonifilmfestival.it, così come prevede la legge. Cliccando su organi statutari si può scegliere tra presidente, […]

Ecco quanto guadagna Claudio Gubitosi, fondatore e direttore artistico del Giffoni Film Festival, la rassegna, nata nel 1971, fiore all’occhiello della Campania. I guadagni sono stati pubblicati, insieme a quelli di tutto lo staff del Gff, sul sito ufficiale del festival www.giffonifilmfestival.it, così come prevede la legge. Cliccando su organi statutari si può scegliere tra presidente, consiglio d’amministrazione, collegio sindacale, sindaci e soci onorari. Ancora un clic su presidente e finalmente appare qualcosa: il compenso lordo annuo del presidente del Festival Pietro Rinaldi pari a 19.196,71 euro. Alla voce dirigenti esce il nome del direttore artistico con un pdf che rimanda al curriculum vitae. Ennesimo clic e voilà il compenso lordo: 260.361,09 euro. Tra i dipendenti può capitare di imbattervi anche nel compenso di Alfonsina Novellino, la moglie di Claudio Gubitosi, a cui è stato corrisposto un compenso lordo annuo pari a 29.125,13 euro. D’accordo, Gubitosi è un vulcano in continua eruzione, è stato capace di trasformare un piccolo centro ignoto alle carte geografiche in un luogo fiabesco d’incontro e di confronto dell’infanzia e della gioventù internazionale, di far aprire ristoranti e qualche albergo, ma tanto per fare un esempio, il capo dello Stato, Sergio Mattarella, non arriva a questo compenso, si deve «accontentare» infatti di 240 mila euro. Mentre invece un altro Gubitosi, Luigi, direttore generale della Rai, è ancora ben saldo nella top ten dei manager Paperoni di Stato con un super-stipendio di 650 mila euro.

Sostieni la nostra redazione.

Offrici un caffè

TAG