Meduse a Salerno, tante segnalazioni in Costiera: perché e come comportarsi in caso di contatto

meduse-Salerno-invasione

Tante meduse a Salerno, il caldo causa l'invasione. Ecco come comportarsi in caso di contatto con questi piccoli esseri viventi

Invasione di meduse nei mari di Salerno e provincia. Già nei giorni scorsi avevamo riportato segnalazioni di molti avvistamenti nei mari salernitani in occasione del primo weekend balneare. Quello passato infatti è stato il primo fine settimana contraddistinto da alte temperature e, quindi, in cui si è registrato un affollamento sulle spiagge.

Tra Praiano e Positano s’era registrata una cospicua presenza di meduse. Ma non solo. Questa mattina molti avvistamenti anche tra Castiglione ed Atrani di esemplari di Pelagia noctiluca, specie più diffusa nel Mediterraneo contraddistinta dal colore violaceo e dai lunghi tentacoli che possono arrivare fino a qualche metro.

Invasione di meduse nei mari di Salerno, il motivo

In molti si chiedono il perché di questa massiccia presenza di meduse nelle acque di Salerno e non solo. La ragione è da trovare nel riscaldamento globale che – ovviamente – riguarda anche i mari. In questo modo si crea un habitat perfetto per queste creature, da sempre alla ricerca di acque calde.

Meduse a Salerno, come comportarsi in caso di contatto?

In caso di contatto con le meduse diversi sono i consigli da seguire.

  • Non strofinare la zona interessata dal contatto;
  • Non lavare la parte colpita dai tentacoli della medusa con acqua dolce. Questo infatti potrebbe favorire la produzione di neurotossine in grado di causare danni a livello del sistema nervoso centrale;
  • Non adoperare acqua fredda o ghiaccio;
  • Non grattare la zona interessata;
  • Lavare la parte colpita con acqua di mare e disinfettarla con bicarbonato. Niente alcool, aceto e ammoniaca, sono credenze popolari;
  • Non rimuovete i frammenti dei tentacoli della medusa con pinzette, evitando così la lacerazione dei tessuti con conseguente fuoriuscita delle tossine dannose;
  • In casi estremi, se presi dal panico, utilizzate pomate cortisoniche, sempre sotto il controllo di un medico o un esperto.

TAG