Cronaca

Morte di Giannattasio all’Hospice di Eboli: in aula presenti in genitori

Morte di Giannattasio all’Hospice di Eboli: in aula presenti in genitori. A complicare la posizione del medico Alessandro Marra sono alcune intercettazioni telefoniche.

In aula per il processo legato alla morte di Giannattasio a Eboli

È iniziato il processo ai danni di Alessandro Marra, medico dell’Hospice “Il Giardino dei Girasoli” di Eboli e accusato della morte di Carmine Giannattasio, giovane malato terminale di Battipaglia. Come riporta “Il Mattino”, l’imputato non era in aula al momento dell’udienza, mentre c’erano i genitori della vittima.

Marra è accusato di aver iniettato al ragazzo una dose letale di Midazolam, farmaco che poi ne avrebbe provocato il decesso. Al momento, a complicare la posizione del professionista ci sarebbero delle intercettazioni telefoniche, in una delle quali parla con un suo collega: «se ti rendi conto che il paziente è proprio in uno stato di delirio terminale bisogna solo addormentarlo definitivamente».

Una situazione molto difficile che va in contrasto con la richiesta dei genitori, i quali avevano vietato di accelerare la morte di Carmine. Proprio lo stesso Carmine aveva chiesto ai genitori di essere addormentato ma fatto morire per porre fine alla sua agonia.

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto