Cronaca

Rapina all’Autogrill, resta in carcere il complice dell’uomo morto investito

Rapina all'Autogrill Alfaterna, resta in carcere il complice dell'uomo investito lo scorso 28 maggio dopo la rapina

Resta in carcere l’autore della rapina messa a segno venerdì scorso all’Autogrill di Alfaterna. Dopo il colpo uno dei rapinatori, Francesco Amendola, è morto investito da un’auto che percorreva l’autostrada. Il complice, il 47enne paganese Gerardo Gallo invece resta in carcere come riportato dall’edizione odierna de Il Mattino.

Rapina all’Autogrill Alfaterna, 47enne resta in carcere

Il 47enne nella mattinata di ieri, martedì 1 giugno, ha ricevuto la convalida del fermo dopo essere comparso davanti al gip. L’indagato si è avvalso della facoltà di non rispondere e nel pomeriggio è arrivata la convalida dell’arresto da parte del giudice per diverse ragioni, tra cui il pericolo di fuga e della reiterazione del reato.

Rapina all’autogrill, chi è l’uomo morto investito

Nell’attraversare l’autostrada dopo aver scavalcato il guardrail uno dei due malviventi è stato investito da un’autovettura che sopraggiungeva su una delle corsie autostradali. Il rapinatore investito, Francesco Amendola paganese di 69 anni, pregiudicato, è morto a seguito delle gravi lesioni riportate. L’altro rapinatore, raggiunta l’area di servizio, ha commesso un’ulteriore rapina ai danni dell’esercente ed è riuscito a fuggire a piedi attraverso la recinzione autostradale verso la città di Nocera.

L’intervento immediato della Polizia Stradale di Salerno ha consentito la tempestiva messa in sicurezza dell’autostrada e sono contestualmente iniziate le indagini affidate da questa Procura della Repubblica alla Polizia di Stato. Gli accertamenti condotti hanno consentito di acquisire incontrovertibili elementi che hanno portato all’identificazione ed al fermo del complice del rapinatore morto.

Articoli correlati

Back to top button