Senza categoria

Roscigno Vecchia e Giuseppe Spagnuolo: utili chiarimenti

Nella giornata di ieri, avevamo pubblicato un articolo dal titolo “Roscigno Vecchia: la frazione del Cilento con un solo abitante“. Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni in merito e, di conseguenza, riteniamo opportuno rettificare e fornire alcuni chiarimenti.

Roscigno Vecchia non è una frazione, ma un piccolo borgo. Roscigno si divide in due parti: Roscigno Nuova e Roscigno Vecchia. Giuseppe Spagnuolo non è né l’ultimo abitante, né l’unico abitante. È stato ritenuto tale poiché custode del museo ed anche della memoria di quel borgo. Spagnuolo, infatti, è solito fare da Cicerone quando qualcuno giunge sul posto. E in quel luogo sono arrivate le telecamere di National Geographic. La notizia è rimbalzata su tante testate, anche nazionali. «Sono Giuseppe, sono la pro-loco, sono il sindaco, sono il dottore, il muratore e il custode di Roscigno» ha dichiarato Spagnuolo al Giornale del Cilento anni fa.

Nato come un borgo di pastori e greggi, Roscigno Vecchia deve il suo nome agli usignoli che ancora cantano fra i tigli, l’acero e i castagni che risalgono la vallata fino al Passo della Sentinella. Il centro storico di Roscigno inizia a svuotarsi intorno all’anno 1902 a causa di due ordinanze del genio civile (la legge speciale n. 301 del 7 luglio 1902 e la legge n. 445 del 9 luglio 1908) che obbligano la popolazione al trasferimento nell’attuale ubicazione del paese, Roscigno nuova.

I feedback negativi e le segnalazioni aiutano a migliorare e a comprendere meglio alcune vicende. Per questo ci siamo ripromessi di andare sul posto a conoscere sia Giuseppe Spagnuolo, che questo splendido borgo.

Articoli correlati

Back to top button