Senza categoria

Salerno, sgomberata area antistante l’Ostello della Gioventù

SALERNO. Intervento del Nucleo Operativo del Comando di Polizia Municipale nell’area esterna del fabbricato dell’ex Ostello della Gioventù.

Stamane, infatti, a seguito di lamentele giunte alla segreteria del sindaco f.f. Vincenzo Napoli, i Vigili Urbani hanno sgomberato l’area, occupata da diversi cittadini stranieri intenti al bivacco. Sul posto nello spazio sottostante i balconi della predetta struttura sono state trovato 4 persone, due uomini di nazionalità marocchina e 2 donne di nazionalità rumena, intente a bivaccare con materassi, coperte e masserizie varie in condizioni igienico sanitarie molto precarie. Infatti in tutta l’area erano sparsi rifiuti di ogni genere con la presenza di escrementi dappertutto, nonché un olezzo nauseabondo, derivante, probabilmente, dai bisogni fisiologici effettuati dagli stessi sul posto.

Dei 2 stranieri marocchini, uno era provvisto di permesso di soggiorno sul territorio italiano, ma dal momento che annoverava diversi precedenti di polizia, quali furto, rapina aggravata e violenza sessuale è stata avanzata richiesta all’Ufficio Anticrimine della locale Questura di emissione del provvedimento di Foglio di via obbligatorio dal Comune di Salerno. Il provvedimento richiesto è stato emesso con il divieto a far ritorno a Salerno per anni 3, mentre l’altro, privo di documenti di riconoscimento, è stato condotto presso il Gabinetto Scientifico della Questura di Salerno per il fotosegnalamento e la relativa identificazione. Qui risultava essere inottemperante al Decreto di espulsione dal territorio italiano, emesso dal Prefetto della Provincia di Salerno in data 31/03/2015 e relativo ordine del questore di allontanarsi dall’Italia entro 7 giorni. In virtù di quanto esposto è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per l’inottemperanza ai predetti provvedimenti ed è stato emesso ulteriore decreto di espulsione dall’Italia. Delle due donne, una veniva verbalizzata ed allontanata, l’altra, invece è stata deferita all’Autorità Giudiziaria, perché inottemperante al Foglio di via obbligatorio emesso nei suoi confronti.

Sull’arenile circostante, precisamente nell’area sottostante il parco giochi, è stata rilevata la presenza di due baracche artigianali, costituite da due barche capovolte, trattenute sulla sabbia da pali in legno, circoscritte e chiuse da teloni in plastica, tali da costituire ambienti per contenere materassi, coperte e masserizie varie. Anche l’area de quo si presentava in condizioni di estremo degrado in quanto erano visibili rifiuti sparsi di ogni genere, di sicura provenienza dal bivacco, con escrementi disseminati dappertutto ed un olezzo nauseabondo, riconducibile, anche in questo caso, ai bisogni fisiologici effettuati, sul posto, dai bivaccanti. Tali condizioni costituivano un pregiudizio igienico sanitario per le persone ivi ritrovate, nonché per i frequentatori del parco, soprattutto bambini, realizzando alterazione del decoro urbano con il pregiudizio estetico del luogo agli occhi dei numerosi passanti e turisti sulla Lungomare.

All’interno degli ambienti sono state ritrovate, ancora intente a dormire, 5 persone di etnia Rom, di cui tre uomini e due donne, sanzionati per bivacco ai sensi dell’ O.S. vigente, mentre tre di esse sono state deferite all’Autorità Giudiziaria, perché inottemperanti al Foglio di via obbligatorio emesso nei loro confronti. Le persone sgomberate sono state obbligate a rimuovere i materassi e tutte le masserizie, nonché i vari rifiuti accumulati e da loro prodotti. Alla bonifica dell’area ha provveduto il personale del Settore Igiene Urbana del Comune e della società Salerno Pulita, in collaborazione con gli Ispettori Ambientali Comunali.

Articoli correlati

Back to top button