Cronaca

Battipaglia, scuola primaria di via Cilento: niente tende, alunni costretti a stare al sole

BATTIPAGLIA. Entra il sole dalle finestre, ma tra scuola e Comune non si trova un accordo per installare delle veneziane. E così i piccoli alunni della scuola primaria di via Cilento, al Parco delle Magnolie, sono costretti a spostare i banchi inseguendo l’ombra nell’aula. Da mesi, la direzione della scuola, appartenente all’istituto “Penna”, sta chiedendo al Comune il via libera per l’installazione di veneziane, che eviterebbero agli studenti di uscire da scuola sudati e intontiti dal sole.

Nell’attesa di un iter piuttosto lungo in rapporto a quella che sarebbe una semplice soluzione del problema, insegnanti e studenti hanno incollato alle finestre fogli di giornale. Il problema è nato quando i genitori di alcuni studenti hanno chiesto alla direzione della scuola l’installazione di tende dopo aver sentito le lamentele dei figli che tornavano sudati a casa per le ore di esposizione al sole. Le istanze, apparentemente semplici da soddisfare, si sono tramutate in un lungo iter burocratico e nella costituzione di un comitato spontaneo di genitori.

Secondo alcuni il Comune avrebbe dapprima vietato l’installazione di tende perché queste non sarebbero contemplate dalla legge in un istituto scolastico (facilmente infiammabili) e, soprattutto, ha preteso che tale montaggio fosse fatto da una ditta autorizzata dal Comune. I genitori, che hanno chiesto l’installazione di veneziane e non più di tende, e sono ancora in attesa di risposte dal Comune. Ed hanno deciso di interpellare un legale di fiducia. «Pare che il Comune abbia accettato la richiesta per installare le veneziane – fa sapere Federico Palmieri, portavoce del comitato – purtroppo è passato già tanto tempo e credevamo tutti che la soluzione sarebbe stata molto più semplice.

Siamo stati costretti a rivolgersi ad un avvocato». Spiega Palmieri: «nelle aule entra il sole e gli alunni sono esposti alla luce per ore, senza possibilità di ripararsi. In alcune classi le insegnanti invitano gli studenti a spostarsi continuamente per restare all’ombra. Il Comune vieta di installare le tende perché sarebbero facilmente infiammabili. E i fogli di giornali attaccati ai vetri no?».

Articoli correlati

Back to top button