Scandalo displomi falsi dal Cilento: 300 studenti perquisiti

scuola

Circa 300 studenti sono stati perquisiti perché coinvolti nell’inchiesta della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania relativa al rilascio di diplomi falsi

Circa 300 studenti sono stati perquisiti perché coinvolti nell’inchiesta della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania relativa al rilascio di diplomi di qualifica professionale e titoli abitativi all’insegnamento da parte di due istituti di Castellabate.

Diplomi falsi dal Cilento

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri di Agropoli presso l’istituto professionale Passarelli e presso la Fondazione Internazionale Passarelli sarebbero stati centinaia gli studenti che hanno conseguito gli attestati.
Nella giornata di lunedì sono state poste in essere circa 300 perquisizioni su tutto il territorio nazionale. Al momento non ci sono indagati. Lo scopo delle perquisizioni era quello di rintracciare, probabilmente materiale utile alle indagini quali pergamene dei diplomi ed altro.

Ecco tutte le province in Campania e in Italia

Ieri e oggi, nelle province di Salerno, Caserta, Napoli, Avellino, Benevento, Udine, Biella, Vicenza, Verona, Torino, Brescia, Asti, Lecco, Mantova, Novara, Varese, Milano, Monza, Como, Imola, Bologna, Bergamo, Genova, La Spezia, Parma, Reggio Emilia, Modena, Lucca, Perugia, Cuneo, Chieti, Firenze, Prato, Roma, ViterboPotenza, Cosenza, Reggio Calabria, Trapani, Cagliari, Roma, Latina e Rieti, sono state eseguite 340 perquisizioni locali e personali nell’ambito dell’attività di polizia giudiziaria delegata dalla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania, le cui indagini sono state condotte dai militari della Compagnia Carabinieri di Agropoli, diretti dal Capitano Fabiola Garello, e dalla sezione di Polizia Giudiziaria dei Carabinieri della Procura di Vallo della Lucania.

 

Sostieni la nostra redazione.

Offrici un caffè

TAG