Coronavirus, emergenza trasporti a Salerno: troppi passeggeri sui mezzi a lunga percorrenza

coronavirus-salerno-asssembramenti-bus

Coronavirus, emergenza trasporti a Salerno: troppi passeggeri sui bus a lunga percorrenza, rischio di assembramenti e passassegi lasciati alle fermate

Coronavirus, emergenza trasporti a Salerno: troppi passeggeri sui bus a lunga percorrenza, rischio di assembramenti e passassegi lasciati a piedi alle fermate. Il primo giorno della fase 2 comincia male per i chi si muore con i mezzi pubblici.

Coronavirus, Salerno: assembramenti sui bus a lunga percorrenza

Gerardo Arpino, segretario provinciale Filt Cgil, ha denunciato il sovraffollamento dei mezzi e il mancato rispetto delle norme di sicurezza. Osservate speciali, come sempre, la linea 8 e la linea 10, piene fino all’inverosimile in tempi normali, tra le pià a rischio in questo momento così delicato.

Ci sono arrivate segnalazioni di colleghi a bordo spiega  che sulla linea 8 che collega Battipaglia a Salerno, e sulla linea 10 che porta a Mercato San Severino, ci sia stata la necessità di autobus di rinforzo per via del raggiungimento del numero massimo di passeggeri. Sono arrivati altri mezzi che hanno fatto salire le persone che non erano riuscite a prendere le corse precedenti.

In città

Episodi simili anche sulla linea 5 e la 11, ltra le più frequentate per muoversi all’interno della città. Per evitare che questi episodi si ripetano, l’azienda ha diramato un vademecum per i conducenti.

Le nuove regole

Se già dal capolinea si verificano casi di eccessivo numero di persone, allora i conducenti possono chiamare anche le forze dell’ordine. Non è possibile partire se prima non ci sono le condizioni di sicurezza. Nel caso, invece, di un sovraffollamento durante il tragitto, i conducenti potranno apporre un cartello con scritto “autobus completo” e saltare le fermate dove nessuno deve scendere. Con l’obbligo di fermata, se salgono persone in numero superiore al consentito, l’autista può interrompere il percorso e contattare le forze dell’ordine.

 

Sostieni la nostra redazione.

Offrici un caffè

TAG