Imperversa ancora l’epidemia d’influenza. Colpa del virus B

influenza

Alla base di questa inattesa virulenza c'è un ceppo influenzale – il cosidetto virus B o Yamagata – particolarmente alieno. Per questo motivo la resistenza, soprattutto fra i più giovani, anziani e gli immunodepressi, è molto bassa.

Finalmente l’inverno volge al termine dopo l’eccezionale freddo portato dal Burian che è imperversato sull’Europa non risparmiando l’Italia da Nord a Sud, mentre nel nostro Paese non si attenuano gli effetti dell’epidemia d’influenza che si protrae con tanti ammalati che devono attendere giorni e giorni per sentirsi meglio.

Alla base di questa inattesa virulenza c’è un ceppo influenzale – il cosidetto virus B o Yamagata – particolarmente alieno. Per questo motivo la resistenza, soprattutto fra i più giovani, anziani e gli immunodepressi, è molto bassa. Epidemiologi svizzeri hanno sottolineato che «I ragazzi fanno più fatica a guarire e manifestano i sintomi più forti e più a lungo, quelli davvero a rischio sono però gli anziani». La cosa che più stupisce gli addetti ai lavori è la persistenza del fenomeno, con l’ipotesi, non azzardata di un ciclo di 13-14 settimane del picco influenzale.

Ed i consigli non tardano ad arrivare, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”: riposo e letto sarebbero comunque fondamentali per ristabilirsi nel minor tempo possibile e non rischiare ulteriori conseguenze rispetto ai sintomi già in corso.

TAG