CronacaSalernitana

Vecchi dissapori Napoli-Salerno, Maurizio De Giovanni riaccende la polemica: “Minacciato dai tifosi granata”

"Nei mesi scorsi, ho deciso di non presentare più il mio libro a Salerno dopo alcuni cori anti-Napoli e, per questo, ho ricevuto minacce di morte da alcuni salernitani"

Maurizio De Giovanni riaccende la polemica su vecchi dissapori tra Napoli e Salernitana: “Sono stato minacciato da tifosi granata”. Queste le parole durante un’intervista per parlare dei cori vergognosi contro il Napoli finiti su Spotify.

Maurizio De Giovanni: “Minacciato da tifosi salernitani”

Lo scrittore, infatti, ai microfoni di Radio Marte nei parlare di quanto avvenuto nelle scorse ore per quei cori contro il Napoli divenuti una hit su Spotify e poi rimossi dalla stessa piattaforma perché inneggiavano al razzismo avrebbe fatto un’affermazione che ha riacceso vecchi dissapori.

La dichiarazione

De Giovanni avrebbe fatto un salto indietro di mesi e ha parlato, riferendosi a quanto avvenuto a Salerno. Durante la presentazione del suo libro, dopo una serie di polemiche via social dallo stesso, afferma di essere stato minacciato.

“Si è superato il limite, ma lo si è superato da tempo. Vedere un brano razzista sul Vesuvio su una piattaforma come Spotify è un’assurdità folcloristica. Il tutto, nel silenzio assoluto delle istituzioni: quelle sportive e civili. Sono convinto che la prima volta che interrompi la partita, mandi i tifosi a casa e dai la sconfitta per 3-0 alla squadra dei tifosi che si sono macchiati di questo crimine. Ho detto a Cristiano Giuntoli di farsi carico di questa cosa, perché non è possibile essere testimoni di insulti incredibili ed auguri di disgrazie contro la città campana.

Nei mesi scorsi, ho deciso di non presentare più il mio libro a Salerno dopo alcuni cori anti-Napoli e, per questo, ho ricevuto minacce di morte da alcuni salernitani. Poco male: per me, è una medaglia difendere Napoli”.

Articoli correlati

Back to top button