CronacaInchiesta

Montecorvino, ecco chi è Giulio Massa. A casa sua la Madonna che ha pianto sangue

MONTECORVINO ROVELLA. Ogni anno, dal 2002, Giulio Massa, nel periodo della Quaresima, rivive nella sua carne tutti i segni della Passione, fino al Venerdì Santo durante il quale va in estasi ripercorrendo fisicamente le ultime ore di Vita di Gesù, la Morte, la Resurrezione.

Nel tempo, nella sua casa, si sono verificati, e continuano a verificarsi, diversi eventi (definiti miracolosi) ben descritti nel libro “In cammino con Giulio seguendo Gesù”, con foto e testimonianze di sacerdoti, medici e fedeli.

Pochi giorni fa, la statua della Madonna che si trova a casa del signor Giulio Massa, nella frazione Macchia di Montecorvino Rovella, ha iniziato a lacrimare. Dalle guance della statua, come mostra anche un video, sarebbero sgorgate lacrime di sangue misto ad acqua.

E non sarebbe nemmeno il primo caso.


Le stimmate

Il signor Giulio Massa è noto da oltre dieci anni. Dal 2002 è noto come lo “stimmatizzato di Montecorvino” ed è stato definito anche il padre Pio del XXI secolo.

Come riporta anche un articolo del giornale La Stampa del 2008, il signor Giulio Massa avrebbe mostrato le stimmate e nel periodo di Quaresima soffrirebbe la passione di Gesù dal proprio corpo. In casa avrebbe immagini sacre che lacrimano e al suo seguito ha una folla di fedeli.

Giulio Massa ha 46 anni, è sposato con Lucia ed hanno due figli, un maschio ed una femmina. Quando ha iniziato a presentare le stimmate, gestiva un negozio di alimentari nella frazione Macchia di Montecorvino Rovella.

giulio massa 2

Appassionato di cucina, Giulio Massa non è un sacerdote e non ama farsi vedere o parlare di ciò che gli succede. Anzi, indossa dei guanti per nascondere i segni sulle mani ed molto riservato.


La storia

Non è facile ricostruire la storia di Giulio. Lo si può fare leggendo il suo libro o tramite le testimonianze di chi lo conosce. Nel 2001 si presentano delle piaghe sul suo corpo e sulle mani (le stimmate). Va da un dermatologo, ma la situazione non cambia.

Passano le settimane e Giulio inizia ad avere delle estati, parla una lingua ignota.

Afferma di parlare con Gesù. E dopo i consulti con medici e psicologi, nella vita di Giulio entra in gioco don Luigi Maione, parroco di Ogliastro Cilento, esperto della materia che ormai si palesa come soprannaturale. Il sacerdote segue Giulio, registra con una telecamera le sue estasi (che quindi sono documentate) e le invia in Vaticano.

La risposta non tarda ad arrivare: durante le estasi, Giulio parla in aramaico, per poi tradurre in italiano lo stesso testo.


Le lacrimazioni

Dal 2005, a questi fenomeni si associano anche le lacrimazioni: di una statua della Madonna di Medjugorje, di una immagine di padre Pio, di una stampa che rappresenta il Cuore misericordioso di Gesù, di un crocifisso da tavolo che trasuda olio e sale in continuazione. E, nelle ultime settimane, sangue ed acqua dalla statua della Madonna.


I video








 

Francesco Piccolo

Giornalista professionista, direttore del network L'Occhio che comprende le redazioni di Salerno, Napoli, Benevento, Caserta ed Avellino. Direttore anche di TuttoCalcioNews e di Occhio alla Sicurezza.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button