Ponte del 25 aprile, stangata benzina: prezzi più alti del 4%

Ponte del 25 aprile all’insegna dei rincari dei carburanti. Lo denuncia il Codacons, che segnala aumenti dei listini di benzina e gasolio in tutta Italia in occasione degli spostamenti degli italiani per la festività

Il ponte del 25 aprile è stato all’insegna dei rincari per i prezzi del carburante.

È la denuncia fatta dal Codacons, che segnala aumenti dei listini di benzina e gasolio in tutta Italia in occasione degli spostamenti degli italiani per la festività.

La denuncia del Codacons

“In concomitanza con le partenze dei cittadini per il ponte o per gite fuori porta si sono registrati nuovi ritocchi all’insù dei listini praticati dai distributori di carburanti – afferma il presidente del Codacons, Carlo Rienzi – Gli aumenti più sostanziosi riguardano il gasolio: per un litro di diesel si spende oggi il 4% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Per il GPL l’ aumento è del +2,3% mentre la benzina costa mediamente il 2% in più rispetto al 25 aprile del 2017”.

“Ciò equivale ad una maggiore spesa che sfiora i 3 euro a pieno e, tenuto conto dei milioni di cittadini che in queste ore attraversano strade e autostrade per il ponte o per gite fuori porta, giornate al mare e visite alle città d’ arte, gli italiani dovranno affrontare una maggiore spesa per i rifornimenti di carburante complessivamente pari a +25 milioni di euro rispetto al 2017”, conclude Rienzi.

TAG