Cronaca

Ricchiuti sul piano assestamento forestale: “Stesse possibilità per tutti”

Il consigliere regionale Maria Ricchiuti blocca il Piano di Assestamento Forestale adottato il 24 ottobre 2017 dalla Comunità Montana Gelbison e Cervati relativamente ai comuni di Novi Velia, Cannalonga e Vallo della Lucania.

Secondo il consigliere Ricchiuti ai suddetti paesi devono essere concesse le stesse possibilità che vengono riconosciute agli altri paesi facenti parte della Comunità Montana di riferimento e devono essere applicate a tutti i paesi le stesse regole in relazione all’adozione del Piano di Assestamento Forestale (PAF).

Quest’ultimo prevede la possibilità per i comuni montani di disciplinare e indirizzate le proprio risorse boschive individuando azioni di rimboschimento e di ricostruzione boschiva nonché di utilizzo dei pascoli e delle risorse silvi-pastorale.

Inoltre è attraverso i PAF che vengono indicate le modalità per l’utilizzo degli usi civici.

Proprio per questi motivi il consigliere Ricchiuti afferma che anche i comuni di Novi Velia, Cannalonga e Vallo della Lucania debbano essere liberi di adottare il proprio PAF, così come accade per gli altri cinque paesi della Comunità montana Gelbison e Cervati.

Quest’ultima negli anni precedenti ha adottato il PAF a loro nome in virtù di una promiscuità e indivisibilità relativa alla montagna di loro competenza.

Indivisibilità venuta meno con un decreto dirigenziale della Regione del 2005 con il quale venivano assegnati a ogni comune i propri territori di competenza.

“La mia battaglia- sottolinea il consigliere Regionale- iniziata nel 2014 è quella di rivendicare la legittimazione del comune a gestire ciò che gli appartiene, di riattribuire ai cittadini novesi la gestione della montagna e degli usi civili”.

L’Onorevole va oltre e aggiunge: “la Comunita Montana sta perpetrando un abuso.

Usa ed ha sempre usato illegittimamente i tributi dei ruoli fida pascolo, castagnatico e terraggio per ripianare il proprio bilancio, invece la legge destina questi fondi appositamente al miglioramento del demanio gestito”.

Maria Emilia Cobucci

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button