Fece picchiare il fratello per l’eredità: si riapre il processo per una 65enne

aggressione

Riaperto il processo nei confronti di una 65enne, accusata di aver fatto picchiare il fratello per motivi legati all'eredità di famiglia

SALERNO. Riaperto il processo nei confronti di una 65enne, accusata di aver fatto picchiare il fratello per motivi legati all’eredità di famiglia che non sarebbe stata equamente divisa.

Avrebbe commissionato due volte il pestaggio del fratello per l’eredità: ancora guai per una 65enne

Fece picchiare il fratello in due occasioni: una prima volta davanti al cimitero, luogo dove lavora, ed una seconda volta in strada nel rione Mercatello per l’ottenimento dell’eredità. Finisce di nuovo nei guai una 65enne, A.S., per la quale è stato riaperto il processo con le accuse di tentata estorsione, lesioni aggravate e violenza aggravata ai danni del congiunto.

La decisione arriva dopo il cambio di giudice che alla fine ha deciso di riaprire il procedimento anche in virtù del fatto che gli avvocati non hanno prestato il consenso all’acquisizione degli atti. I fatti fanno riferimenti a quanto accaduto tra il 2013 e il 2014, quando fratello e sorella cominciarono a litigare per l’eredità di famiglia, secondo l’imputata non equamente divisa. Per questo motivo, la donna cominciò a chiedere sempre più denaro al fratello, il quale viveva nell’abitazione di famiglia insieme all’anziana madre. Da lì sarebbero partite diverse minacce da parte della 65enne, seguita da due aggressioni ai danni dell’uomo: in una delle due riportò anche lesioni gravi.

Fonte: Il Mattino

 

 

 

TAG