Cronaca

Angri, giovani assembrati in piazza fino a dopo il coprifuoco e senza mascherina

"Una situazione insostenibile, denunciano i residenti, che va avanti ormai da tempo e che neppure la pandemia è riuscita a fermare"

Angri, ieri sera 4 giugno, giovani assembrati in piazza fino a dopo il coprifuoco e senza mascherina con musica ad alto volume e alcol. La lettera dei comitati dei residenti a sindaco, Prefettura e Procura della Repubblica.

Giovani assembrati in piazza ad Angri fino a dopo il coprifuoco

Una situazione insostenibile, denunciano i residenti, che va avanti ormai da tempo e che neppure la pandemia è riuscita a fermare”. Come riporta “Fanpage”, il 6 maggio scorso, attraverso il Comitato per la Vivibilità Cittadina, è stata inviata una lettera al sindaco e al comandante della Polizia Municipale di Angri, al Prefetto e al Questore di Salerno e alla Procura della Repubblica di Nocera Inferiore per chiedere un intervento immediato per risolvere la situazione.

I comitati dei residenti scrivono a Prefettura e Procura

Nel mirino dei comitati soprattutto la piazza del centro storico e la via di Mezzo con le strade adiacenti prese d’assalto soprattutto nel weekend da centinaia di giovani, che frequentano i baretti e poi si intrattengono in strada fino a notte fonda.

I residenti chiedono di prevedere “la chiusura delle attività commerciali inquinanti ed in ogni caso la inibizione di ogni ulteriore immissione acustica dalle 22,00 alle 06,00 del giorno dopo di ogni giorno della settimana nell’attesa dell’adozione di un piano di risanamento acustico di Via di Mezzo”.

Il rispetto, poi, “dei limiti di legge per l’inquinamento acustico”. E, infine, nel periodo della pandemia del Coronavirus, una “stretta sorveglianza volta ad impedire gli assembramenti in violazione delle vigenti disposizioni sanitarie sia Statali che Regionali”.

Fonte: Fanpage


Articoli correlati

Back to top button