Cronaca

Nocera, da oltre un mese in deposito la macchina salva-neonati

Lo scorso 15 aprile all’ospedale Umberto I di Nocera arrivò un respiratore che da tempo serviva al personale del nosocomio. Una macchina che può salvare la vita a quei bambini nati prima del tempo. È passato più di un mese ma quel macchinario così importante è ancora avvolto nel cartone e  nel cellophane.

Ospedale Umberto I di Nocera, respiratore ancora in deposito

Come racconta Il Mattino nell’articolo a firma di Nello Ferrigno, all’arrivo del macchinario il pediatra Attilio Barbarulo scattò una foto che ritraeva la dottoressa Annalisa Sergio che, letteralmente, abbracciava lo scatolone che contiene il macchinario. Dopo oltre un mese il respiratore è ancora imballato, in un magazzino della Terapia intensiva neonatale. Il macchinario è costato circa 30mila euro ed è stato acquistato grazie all’impegno di alcuni tifosi della Nocerina, adoperatisi in una raccolta fondi.

Respiratore ancora inutilizzato

Il respiratore non è stato ancora messo in funzione perché mancherebbe il collaudo. Ad effettuarlo deve essere un ingegnere della casa costruttrice  ma prima dovrà arrivare una delibera dell’Asl Salerno.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

 

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button