Cronaca

Camorra a Salerno: ecco le famiglie più potenti della Provincia, la relazione della Dia luglio-dicembre2018

[titolo_paragrafo]La camorra a Cava de’ Tirreni[/titolo_paragrafo]

Nel comune di Cava de’ Tirreni, posto nell’immediato entroterra della costiera amalfitana e confinante con i comuni dell’agro Nocerino-Sarnese, ad alta densità criminale, le evidenze investigative confermano l’influenza dello storico clan BISOGNO, dedito prevalentemente alle estorsioni, all’usura e al traffico di stupefacenti.

Proprio in tale ultima attività delittuosa risulta particolarmente attivo anche il citato gruppo ZULLO, articolazione del clan BISOGNO, oggetto di un’indagine (operazione “Hyppocampus”) che, il 13 settembre 2018, ha permesso alla DIA di Salerno, con l’ausilio della Polizia di Stato e dell’Arma dei carabinieri, di eseguire un provvedimento cautelare nei confronti del capo del gruppo e di altri 13 soggetti, responsabili di associazione di tipo camorristico, usura ed estorsione.

Nel medesimo contesto investigativo, il 27 settembre e l’8 ottobre, ancora la DIA di Salerno ha eseguito due decreti di sequestro preventivo, emessi dal GIP presso il Tribunale di Salerno, sottoponendo a sequestro tre società, con sede legale ed operativa a Cava de’ Tirreni (SA)574, riconducibili ad uno degli indagati.

Pagina precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23Pagina successiva

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button